L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

L'ombra del colore

di Gustavo Gabriel Otero

Torna dopo 34 anni al Teatro Colon di Buenos Aires Die Frau ohne Schatten di Richard Strauss in un'edizione eccellente sotto il profilo teatrale, vocale e musicale.

 

BUENOS AIRES, 11 giugno 2013 - Dopo 34 anni di assenza è tornata sul palco del Teatro Colón Die Frau ohne Schatten di Richard Strauss in una grande produzione che coniugava la bellezza dell'allestimento, la qualità della musica e un cast omogeneo. La messa in scena di Andreas Homoki -realizzata con la collaborazione del messicano Arturo Gama - ricorre a simboli immediati e di piena efficacia. Con perfetta recitazione, gesti pieni di significato e di intelligente utilizzo delle intermezzi si rende assolutamente comprensibile la complessa vicenda narrata. Lo scenario di Wolfgang Gussmann è semplice e funzionale: un'unica struttura di due pareti unite in un punto di fuga e un piano inclinato. I costumi dello stesso Gussmann utilizzano i medesimi ideogrammi che ricoprono le pareti del palco su uno sfondo bianco per vestire gli spiriti. Il tintore e la sua famiglia saranno vestiti in giallo brillante come le scatole che simboleggiano la casa di Barak. L'imperatore indossa abiti blu e rosse sono le frecce, le piante e le bende che talvolta acciecano i protagonisti. Il disegno luci da Franck Evin è eccellente e non cerca di nascondere le ombre senza successo. Il simbolismo delle ombre umane sarà nel colore dei vestiti. Ira Levin a capo dell'Orchestra del Colon ha svolto un lavoro sinfonico prezioso e ha ottenuto una risposta eccellente sinfonico da parte di tutti gli elementi.

 Si è distinta la nutrice di Iris Vermilion. La sua vasta estensione le ha permesso di superare gli ostacoli sulla vostra parte e brillare nel ruolo. Il suo stile e la sicurezza di canto erano ineccepibili e il carattere diabolico era garantito dal valore aggiunto della malvagità impressa alla sua recitazione. Le altre due signore non hanno demeritato. Manuela Uhl ha incarnato l'Imperatrice con perfetto fraseggio e squisita musicalità e Elena Pankratova ha messo in luce come Tintora una vocalità potente e ben emessa.

Jukka Rasilainen era un interprete corretto e molto efficace di Barak e il tenore Stephen Gould mancava di finezza nell'affrontare il ruolo difficile dell'Imperatore.

Nell'ampio comparto solistico si sono distinti il Messaggero Spirito di Jochen Kupfer e fratelli di Barak interpretati da Mario De Salvo, Emiliano Bulacios e Sergio Spina. I cori hanno assolto al loro compito, così come il resto del cast.

 

Buenos Aires, 11/06/2013. Teatro Colón. Richard Strauss: Die Frau ohne Schatten. Opera in tre atti, libretto di Hugo von Hofmannsthal. Andreas Homoki, regia. Wolfgang Gussmann, scene e costumi. Frank Evin, luci. allestimento della Nederlandse Opera Amsterdam. Stephen Gould (L'imperatore), Manuela Uhl (L'imperatrice), Iris Vermillion (La nutrice), Jukka Rasilainen (Barak), Elena Pankratova (Moglie di Barak), Jochen Kupfer (Spirito messaggero), Marisú Pavón (Guardiano del tempio), Pablo Sánchez (Apparizione di un giovane), Victoria Gaeta (Voce del falcone), Mario De Salvo (Fratello guercio di Barak), Emiliano Bulacios (Fratello monco di Barak), Sergio Spina (Fratello gobbo di Barak), Alejandra Malvino (Voce dall'alto). Orchestra e Coro del Teatro Colón. Maestro del coro: Miguel Martínez. Coro di voci bianche del Teatro Colón. Maestro del coro di voci bianche: César Bustamante. Direzione musicale: Ira Levin.


Registrati e ricevi gli aggiornamenti

Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.