L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Parma e il Medioevo

Soggetto donna. Donne e movimento

RaiStoria ore 13:00 

Mina, Milva, Dalidà,Vanoni: direttamente da Studio Uno, Canzonissima, Senza Rete sfilano le vere signore della musica, le colonne, le indimenticabili della canzone melodica e pop italiana, tutte rigorosamente in bianco e nero. .

Passato e presente

Rai3 ore 13:15 e RaiStoria ore 20:30

Esiste davvero il Medioevo? Il medioevo, l’età di mezzo, è stata tramandata come un’epoca buia, cupa, brutale e superstiziosa, tanto che per gli anglosassoni è la “dark age” e in italiano il termine medioevo è spesso utilizzato come sinonimo di arretratezza e ignoranza. A “Passato e Presente”, in onda lunedì 22 febbraio alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia, Paolo Mieli e il professor Alessandro Barbero “smontano” i luoghi comuni su questa epoca, raccontandone l’origine. In realtà, tra l’XI e il XIV secolo, l’Europa vive una fase di espansione e di grande vivacità, sia culturale che economica. La distorsione dei fatti comincia con il Rinascimento, che, mentre afferma se stesso, contesta ciò che lo ha preceduto. Il passo decisivo verso una visione deformata del medioevo viene però compiuto dalla storiografia protestante, che, denunciando la corruzione nella gestione del potere durante i secoli della dominazione papale, ne emette una condanna totale. I pensatori illuministi non faranno altro che riprendere, stigmatizzandoli, questi temi per esaltare la nuova epoca della ragione, consolidando così un giudizio sommario e negativo, ancora oggi duro a morire.

Passato e presente

RaiStoria ore 14:20

L'idea di costruire un canale per collegare il Mediterraneo al Mar Rosso risale al 500 avanti Cristo, ma è solo nell'Ottocento che riesce a diventare realtà. Per merito soprattutto di Ferdinand de Lesseps, imprenditore ed ex diplomatico francese che mette in piedi il faraonico cantiere su progetto dell'ingegnere italiano Luigi Negrelli. Nasce il Canale di Suez. Un'opera che il professor Gilles Pécout analizza con Paolo Mieli in questa puntata di "Passato e Presente". Il canale viene aperto nel 1869 e subito dà impulso ai traffici tra l'Europa e l'Oriente, dimezzando il percorso di navigazione. Lo gestisce una società a capitale inglese e francese, le due potenze coloniali che traggono maggior profitto dall'apertura del canale. Nel 1956 il presidente Nasser decide di nazionalizzare il canale. Ne segue la crisi di Suez, che si concluderà con la definitiva uscita di scena di Francia e Inghilterra, ormai ex potenze coloniali. Da questo momento il canale diventa oggetto di contesa tra Egitto e Israele, provocando la Guerra dei sei giorni, nel 1967, e la Guerra del Kippur, nel 1973.I

14-18 Grande Guerra 100 anni dopo

RaiStoria ore 15:00

La guerra sui mari La guerra sui mari inizia ufficialmente il 7 maggio 1915, con l'affondamento del transatlantico Lusitania, una nave inglese adibita al trasporto dei civili, colpita e affondata da un siluro tedesco. Una tragedia che scuote l'opinione pubblica sia inglese che statunitense, a causa delle oltre 1200 vittime, di cui più di 100 cittadini americani, e che sarà il pretesto per l'entrata in guerra degli Stati Uniti d'America. La vera novità della guerra sui mari è l'introduzione dei sommergibili, che cambia per sempre la tattica e la strategia del combattimento, mettendo per la prima volta in discussione la supremazia marittima degli inglesi.

Festa, farina e forca

RaiStoria ore 16:00

Con la consulenza di L. Lombardi Satriani - Un viaggio nelle festività italiane, le usanze regionali in via di sparizione, tra tradizione e memoria.

Italiani

RaiStoria ore 16:50

Tina Lagostena Bassi di Silvia Cossu regia di Nicoletta Nesler Produttore esecutivo Annalisa Vasselli Con Paolo Mieli - Ha segnato con la sua attività la storia civile e giudiziaria di questo paese lasciando una impronta indelebile nella difesa dei diritti delle donne, culminata con l'approvazione della legge sulla violenza sessuale nel 1996.

#maestri

RaiStoria ore 17:45

Rai Cultura, tornano i #maestri su RaiStoria e Rai3 dal 22 febbraio conduce Edoardo Camurri. Di Edoardo Camurri, Michele De Mieri, Alessandro Garramone, Luca Cambi,Tommaso Franchini, Massimiliano Griner. Coordinamento editoriale Anna Lisa Guglielmi. A cura di Arianna Ciulla. Produttore esecutivo Germana Mudanò. Regia Claudio Del Signore. - #maestri è un programma realizzato in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, ogni giorno due lezioni rivolte a tutti gli studenti degli istituti superiori, con maestri d'eccellenza, accademici e grandi divulgatori, introdotti ed interrogati da Edoardo Camurri. Arte, scienza, letteratura, educazione civica, informatica, ma anche cucina, musica, teatro e cinema..

La guerra segreta

RaiStoria ore 18:25

DDi Serena Davies - Dal 1940 al 1944, l'Europa fu invasa dai nazisti. Mentre l'Armata Rossa impegnava il Terzo Reich in Oriente, la Gran Bretagna e i suoi alleati aprirono il fronte occidentale. Ma gli Alleati condussero anche un'altra terribile guerra sul campo. Una guerra segreta, che implicava innumerevoli atti di coraggio, spietatezza, doppio gioco e tradimento. Nessun agente in qualsiasi parte del continente poteva mai sapere di chi fidarsi. Alcuni hanno fatto il doppio gioco perché ritenevano che fosse la migliore strategia per rimanere in vita. Alcuni hanno operato sui due fronti per il brivido del pericolo.

Cortoreale - Gli anni del documentario italiano. il 1956

ore 19:15

Un programma di Giuseppe Giannotti,Giuliana Mancini,Enrico Salvatori,Davide Savelli collaborazione Marco Bertozzi - Una breve storia del paese attraverso i cortometraggi prodotti in Italia tra glia nni'50 e gli anni'70 commentati dallo storico del documentario Marco Bertozzi.

Storia delle nostre città. Parma

RaiStoria ore 21:10

Una tra le più eleganti città del nord Italia: Parma. Nota per la sua arte, per la gastronomia, per le splendide case in stucco dal colore dell’oro antico che si affacciano sulle strade di ciottoli, e situata in posizione strategica sulla via Francigena, nel 1248 - dopo essere stata riconquistata dai Guelfi - resistette all’assedio di Federico II di Svevia, diventando così una delle cause che posero fine ai sogni di dominio dell’imperatore sull’intera penisola. Un luogo e una storia raccontati da “Storia delle nostre città”, in onda lunedì 22 febbraio alle 21.10 su Rai Storia. Con la creazione del ducato, nel 1545 Parma - grazie ai Farnese - divenne una splendida città, tra i maggiori centri di cultura di tutta l’Europa. La puntata ne racconta la bellezza dei luoghi, i fatti storici principali, i personaggi più importanti che hanno contribuito all’aspetto odierno della città e hanno influenzato il carattere degli abitanti, l’identità e le usanze.

E' l'iItalia, bellezza!

RaiStoria ore 22:10

Nell'ambito del progetto "Italia Viaggio nella Bellezza", Francesca Fialdini conduce"E' l'Italia, bellezza!" un percorso artistico e culturale all'interno del patrimonio del nostro Paese.

Inferno nei mari. Sfida a Rommell

RaiStoria ore 23:10

Introduzione di Maurizio Brescia. - Nella Seconda guerra mondiale, sia l'Asse che gli Alleati impiegano una spietata guerra sottomarina per mettere in ginocchio i loro nemici: prendono di mira le rotte commerciali, per distruggere le forniture alimentari e militari. Durante la Guerra Fredda, il controllo è più sottile a causa della reale minaccia nucleare: monitorare ciò che sta facendo l'altra parte è fondamentale e Stati Uniti e Unione Sovietica usano l' "invisibilità" dei sottomarini per spiare e riportare informazioni o per condurre missioni segrete, nel tentativo di cambiare l'equilibrio di potere globale.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.