L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Spiriti e spettri

di Antonino Trotta

MITO SettembreMusica evoca lo spirito di Arcangelo Corelli e lo spettro della Nona di Beethoven con due distinti appuntamenti del ricco cartellone, l’uno affidato alle premure dell’orchestra Modo Antiquo diretta dall’eclettico Federico Maria Sardelli, l’altro allo storico duo pianistico Ballista-Canino.

Torino, 10-12 settembre 2020 – Nonostante a noi sia pervenuta una modesta quantità di composizioni, la grandezza di Arcangelo Corelli si può tutta misurare nell’ascendente che egli esercitò sulle generazioni di compositori a lui contemporanee e successive: Geminiani, Vivaldi, Händel, financo un vivissimo Sardelli, individuarono e individuano nel concerto grosso corelliano un modello di equilibro e perfezione tale da assurgere a paradigma assoluto del genere. Intorno a questa grande creazione musicale del periodo barocco, caratterizzata nella forma dal dialogo tra il concertino (due violino più un continuo) e appunto il concerto grosso (due violini, viola e basso eventualmente raddoppiabili, detto anche ripieno), verte l’appuntamento di MITO SettembreMusica – sabato 12 settembre – che nell’impaginato di sala annovera il concerto grosso n. 4 op. 6 di Corelli, il concerto grosso n. 3 op. 3 di Geminiani, i concerti grossi n. 4 op. 3 HWV 315 e n.6 op. 6 HWV 324 di Händel e il concerto n. 11 RV 565 di Vivaldi.

La concertazione di Federico Maria Sardella, alla guida del suo prezioso ensemble Modo Antiquo – che, superfluo precisarlo, suona strumenti originali –, è di finezza eccezionale. Nel perimetro descritto dal rigore filologico, dallo studio scientifico della partitura e del modo di eseguire tale repertorio, i complessi barocchi si esprimono con un linguaggio che colpisce per sì per la superba varietà di colori, dinamiche, accenti, ma affascina soprattutto per lo sfoggio di preziosismi e geometrie, prospettive e angolazioni che nello sbalzare repentino di uno strumento sull’altro sembrano disegnare paesaggi tridimensionali. Così un programma per certi aspetti impegnativo – un’ora e passa di soli concerti grossi è sempre un’ora e passa di soli concerti grossi –, annunciatosi quale balsamo dell’intelletto e nutrimento per l’insaziabile curiosità musicale, nel giro di un solo movimento riesce a trasformarsi in una festa dell’ascolto affermandosi, ormai a MITO concluso, come uno delle serate meglio riuscite dell’intera rassegna. Menzione a parte, poi, merita l’esecuzione della prima assoluta – a quanto pare ancora fresca d’inchiostro – del Concerto grosso nello spirito di Corelli che l’eclettico Sardelli ha composto, con la canonizzata struttura quadripartita, per l’occasione e che tra Händel e Vivaldi non sfigura affatto.

Scomodare l’aldilà, comunque, non sempre è un buon affare. Se poi si parla di Beethoven e della Nona, è facile che evocandone lo spirito ci si ritrova a esserne tormentati dallo spettro. Anche partendo dal presupposto che Antonio Ballista e Bruno Canino non sono un duo pianistico ma una vera e propria istituzione musicale e senz’altro riconoscendo il valore di una tecnica pianistica di prima classe, spiace osservare che il concerto di venerdì 10 – Lo spirito della Nona – proprio fatica a decollare: la Nona di Beethoven è troppo vasta anche per il signore tra gli strumenti musicali, raddoppiato. Ballista e Canino lavorano di fino sui colori, sulle dinamiche, mettono in luce le differenza timbriche tra le parti destinate alle varie sezioni dell’orchestra, tuttavia nella scrittura così densa di Liszt è disumano pensare di poter animare con un’intenzione diversa ciascuna delle venti dita. È vero, forse nell’ascolto di questa versione per due pianoforti bisognerebbe abbandonare ogni confronto uno a uno con la scrittura originale, evitare di sovrapporle come lastre per evidenziarne coincidenze e divergenze, ma si tratta pur sempre di una trascrizione e non di una fantasia su e, già sulla carta, l’operazione è talmente fuori di senno che è inevitabile interrogarsi su come Liszt abbia pensato di riuscirci. Ne faremo tesoro per la prossima occasione.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.