L’Ape musicale  

rivista di musica, arti, cultura

 

   

Venaria in prima serata

Soggetto donna. Donne e politica


RaiStoria ore 13:00

di Giuseppe Giannotti produttore esecutivo Sara Mariani - "Le donne al governo" (1966) racconta l'esperienza della donna sindaco e della sua giunta comunale fatta esclusivamente di donne che riuscirono a rimettere in sesto le finanze del piccolo comune di Rotzo. "Si dice donna" (1981) racconta delle donne dell'Irpinia che fanno il punto sui loro bisogni nel processo di ricostruzione delle loro vite e dei luoghi distrutti solo un anno prima dal terremoto.

Passato e presente


Rai3 ore 13:15 e RaiStoria ore 20:30

1941, quando gli italiani invasero la Jugoslavia. 6 aprile 1941. L'invasione del regno di Jugoslavia, da parte degli eserciti dell'Asse, inizia con un bombardamento che rade quasi al suolo Belgrado. Nel giro di pochi giorni il giovane regno balcanico, nato alla fine della Prima Guerra Mondiale dalla dissoluzione dell'impero asburgico, cessa di esistere. Conduce Paolo Mieli Un programma di Alessandra Bisegna,Sara Chiaretti,Paolo Mieli Con la consulenza di Cristoforo Gorno Produttore esecutivo Valentina Tassini Regia di Davide Frasnelli.

Passato e presente

RaiStoria ore 14:20

L'imperatore Diocleziano. Gaio Aurelio Valerio Diocleziano si proclama imperatore davanti alle truppe il 20 novembre del 284 d.C., durante la crisi politica del III secolo, segnata da cinquant'anni di anarchia militare. A “Passato e Presente” - in onda lunedì 5 aprile alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia – Paolo Mieli, insieme a tre giovani storici, ne parla con il professor Umberto Roberto. Per gestire l'enormità dell'impero, Diocleziano fonda prima la diarchia, con il suo fedele compagno di battaglie Massimiano, e poi la tetrarchia con due cesari e due augusti. L’obiettivo è creare un potere che possa difendere l’impero sia dai nemici esterni che premono su vari fronti, sia dai nemici interni, i cristiani e i manichei. Diocleziano avvia numerose riforme fiscali e amministrative, ma dopo 21 anni al potere, nel 305, nel pieno del successo, abdica e si ritira a Spalato. Un gesto che resta un enigma per i suoi contemporanei.

Prima e dopo la bomba - Pace contro guerra


RaiStoria ore 15:00
Atomo per la pace e atomo per la guerra, scienza contro natura, armamenti e disarmo, continuano nella loro dialettica.

Festa Barocca, stregoni della meraviglia


RaiStoria ore 15:45

di Folco Quilici (1982) - Il grande patrimonio di uno stile e di un'epoca in una serie in sei puntate, con la consulenza artistica di Paolo Portoghesi e Luca Quattrocchi. Premio della Critica televisiva Italiana (1983).

Storie della TV. Gino Bramieri


RaiStoria ore 16:50

di Roberto Fagiolo produttore esecutivo Alessandra Conforti - A venticinque anni dalla scomparsa, il racconto della vita artistica (in gran parte svolta in televisione) di un attore comico e brillante. Il suo formidabile dimagrimento, avvenuto sotto gli occhi dei telespettatori, non altera la sua carica comica, portata in numerosi programmi televisivi, da 'L'amico del giaguaro' a 'Tigre contro tigre'./p>

#maestri


RaiStoria ore 17:40

Rai3 e Rai Storia, #maestri dal 5 al 9 aprile

1940 L'Italia in Guerra. Attacco alla Francia


RaiStoria ore 18:30

coordinamento autoriale Gianluca Miligi, consulenza storica Umbertoo Gentiloni, di Roberto Fagiolo,Regia Pasquale D'Aiello,Produttore esecutivo Germana Mudano' consulenza storica Umberto Gentiloni - Giugno 1940, dopo due settimane di combattimenti contro la nazione transalpina l'Italia fascista riesce a ottenere soltanto piccole zone di occupazione sulle Alpi e la città di Mentone sul mare. Le mire di invasione rimangono frustrate e la guerra italiana si rivela in un'impresa piena di difficoltà anche per l'impreparazione delle forze militari..

Viva la storia Curarsi


RaiStoria ore 19:30

a.C.d.C. La Venaria Reale


RaiStoria ore 21:10

Un luogo che incarna un’epoca storica lontana, quella della monarchia assoluta. Un edificio che oggi sembra identico a com’era allora come se il tempo non fosse mai trascorso, ma che in realtà ha conosciuto una lunga fase di abbandono e ha rischiato addirittura di scomparire: la reggia della Venaria Reale, a due passi da Torino. La racconta il professor Alessandro Barbero nello speciale “La Venaria Reale”, in onda martedì 6 aprile alle 21.10 su Rai Storia, per il ciclo “a.C.d.C.”. Il documentario è un viaggio attraverso quattro secoli, tra sovrani e cortigiani, letterati di corte intenti a scrivere il dipanar si delle stanze e degli affreschi come capitoli da sfogliare; architetti che diventano registi di un grande spettacolo. Oggi la reggia, un pezzo del passato sbarcato quasi per magia nel XXI secolo e visitato da migliaia di persone, rappresenta quel che c’ è di meglio nella nostra epoca: il rispetto per il lascito del passato, l’attenzione alla bellezza che ci è stata lasciata in eredità, la consapevolezza che è nostro dovere conservarla e tramandarla. La reggia infatti non è solo passato, ma anche presente e futuro, grazie alle opere di diversi artisti contemporanei ospitate presso la Venaria. Per creare un ponte tra ciò che è stata la reggia durante i secoli in cui la corte sabauda la popolava e oggi, come spazio riaperto al pubblico.

La guerra segreta. I re del doppio gioco


RaiStoria ore 22:10

Di Nick Aarons - Nel giugno 1942 i tedeschi riuscirono a catturare un agente britannico SOE scoprendo la fitta ed elaborata rete di spie inglesi trapiantate in Olanda. La maggior parte di questi agenti venne così intercettata, catturata e inviata nei campi di concentramento. Molte sono le teorie su quella che rappresentò uno dei più grandi disastri dell'intelligence britannica. Tra le varie ipotesi, si pensa che la responsabilità fu di due agenti tedeschi che riuscirono a portare avanti, egregiamente, il loro doppiogioco.

Italiani. Fernando Aiuti


RaiStoria ore 23:00

La storia professionale e personale, le sfide e le battaglie di Fernando Aiuti, medico, infettivologo che ha legato per sempre il suo nome alla battaglia contro l`AIDS raccontata dalle immagini ma anche attraverso i ricordi dei familiari, le testimonianze di colleghi e i pazienti..


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.