L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

 

I Partner accanto al Teatro alla Scala per la Serata inaugurale,

nella nuova Stagione e nei progetti speciali

 

Rai - Edison - Rolex - BMW - JTI - Fondazione Banca Del Monte di Lombardia - Bellavista - Ferrarelle - Caffé Borbone - Amedei - Riso Gallo - Caffé Scala - TEAROSE - LG - TRECCANI

 

La straordinaria attesa per Tosca, il capolavoro di Giacomo Puccini che il 7 dicembre inaugura la Stagione 2019/2020 con la direzione di Riccardo Chailly, la regia di Davide Livermore e un grande cast, nasce dalla popolarità del titolo, dal prestigio degli interpreti, dalla sempre maggiore partecipazione della città e di tutto il Paese all’avvenimento della Prima scaligera. Il Direttore Musicale Riccardo Chailly prosegue un percorso di ricerca prima ancora che esecutivo che ripropone le opere di Puccini in versioni che tengono conto delle conoscenze musicologiche più aggiornate, come ormai è prassi comune con gli altri grandi compositori. Dopo Turandot, La fanciulla del West, Madama Butterfly e Manon Lescaut è la volta di Tosca, che incredibilmente non era stata mai scelta per un 7 dicembre e che giunge per la prima volta in scena nella primissima versione di Roma del gennaio 1900.

Tosca, in programma dal 7 dicembre 2019 all’8 gennaio 2020, è diretta dal Maestro Chailly - che appena insignito del prestigioso Diapason d’Or come Artista dell’anno in Francia giunge così alla sua ventitreesima opera alla Scala dal debutto nel 1978 – in un allestimento del regista Davide Livermore alla sua seconda Prima consecutiva insieme alla scenografa Cristiana Picco (Studio Giò Forma), con i video di Paolo Gep Cucco (D-WOK) e i costumi di Gianluca Falaschi. In scena un cast stellare che vede protagonista Anna Netrebko, massima interprete della parte nel nostro tempo, e due cantanti e musicisti amatissimi alla Scala come Francesco Meli che sarà Cavaradossi e Luca Salsi come Scarpia. Saioa Hernández, già applauditissima interprete dell’Attila inaugurale del 2018, canterà il ruolo del titolo nelle rappresentazioni di gennaio ma anche in tournée in Giappone nel settembre 2020.

La Stagione che si apre con Tosca si presenta estremamente ricca, con 15 titoli d’opera e otto di balletto oltre a un fitto calendario di concerti. Nella Stagione d’opera, in cui il Maestro Chailly tornerà anche al repertorio internazionale con Salome di Richard Strauss, resta centrale il repertorio italiano con tre titoli di Verdi, due di Rossini, uno di Ponchielli cui si aggiungono il Verismo con Montemezzi e Giordano e l’avanguardia storica con Luigi Nono. La scuola francese torna con Gounod e Debussy mentre il repertorio tedesco conta accanto al già ricordato Strauss titoli di Wagner e Schönberg oltre a Händel nel progetto barocco.

L’importanza ormai globale del 7 dicembre, che è internazionalmente riconosciuto come avvenimento capitale della vita musicale e teatrale, è anche l’importanza di un Teatro che non solo incarna dal 1778 la tradizione del melodramma italiano, ma costituisce un simbolo di eccellenza della Città e del Paese in cui opera, interagendo costantemente con le istituzioni, le aziende, i cittadini che per noi sono molto più che semplice pubblico. Per questo ringraziando i suoi Partner in occasione del loro decisivo sostegno alla Serata inaugurale, il Teatro alla Scala sottolinea il valore di collaborazioni che dal 7 dicembre si estendono all’intero arco della Stagione e alle molteplici attività che ogni giorno rendono vivo e partecipato il nostro Teatro. Accanto alla normale programmazione sono numerose le attività nate da una progettualità comune con i Partner, a conferma di un patrimonio di idealità e di eccellenza condiviso, fondato su valori di qualità, condivisione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico italiano, proiezione internazionale e investimento sul futuro attraverso il coinvolgimento delle giovani generazioni.

Desideriamo ricordare nel dettaglio alcune di queste collaborazioni.

Prosegue e si rafforza il più che quarantennale rapporto tra il Teatro alla Scala e la Rai. Rai Cultura proporrà Tosca in esclusiva in diretta su Rai1 il prossimo 7 dicembre a partire dalle ore 17.45. Lo spettacolo, con la regia televisiva di Patrizia Carmine, è trasmesso in diretta anche su Radio3, su Rai1 HD canale 501 e online sul portale Rai Play, dove potrà essere visto per 14 giorni dopo la Prima.

Nel 2018 quasi due milioni di telespettatori avevano seguito su Rai1 Attila di Giuseppe Verdi per l’apertura della scorsa Stagione, confermando l’interesse e la passione degli italiani per l’opera e in particolare con l’annuale appuntamento con la Prima scaligera. Anche quest’anno il Centro di Produzione di Milano sarà impegnato nella ripresa oltre tre ore di spettacolo con 13 telecamere in alta definizione e uno staff di oltre 50 persone. La diretta su Rai1 sarà curata da Antonio Di Bella e Milly Carlucci, con collegamenti di Stefania Battistini, mentre su Radio3 ascolteremo Gaia Varon e Nicola Pedone. Per la prima volta Rai Pubblica Utilità – Accessibilità garantirà un servizio di audiodescrizione per garantire maggiore accessibilità agli utenti ipovedenti.

Rai Com distribuirà l’opera in diretta in oltre 30 sale cinematografiche italiane cui si aggiungono i cinema di sette Paesi europei e di molti altri in differita, dall’Australia al Sud America.

Le riprese Rai saranno il cuore del progetto “Prima Diffusa” che prevede proiezioni gratuite in oltre 40 sedi cittadine.

Tosca sarà in diretta anche sui canali televisivi Arte (Francia), ZDF (Germania), RPT (Portogallo) RSI (Svizzera), CESKA TELEVIZE (Repubblica Ceca), ACTION 24 (Grecia) e MTVA (Ungheria).

Sarà inoltre trasmessa in differita in Giappone dalla tv pubblica NHK, in Corea da IL MEDIA e in Russia da TV Kultura.

Per il mercato dell’audiovisivo è prevista per il 2020 l’uscita di un DVD di Tosca.

Edison, che nel 1883 portò per la prima volta la luce elettrica al Teatro alla Scala, illumina Tosca di Giacomo Puccini che inaugura la Stagione scaligera 2019/2020 con l’energia prodotta da fonti rinnovabili. L’intero fabbisogno energetico della serata e delle prove è compensato da appositi certificati che comprovano la provenienza dell’energia da fonti green. Nei 10 anni consecutivi di illuminazione della Prima, Edison ha evitato l’emissione in atmosfera di oltre 630 tonnellate di anidride carbonica, la quantità assorbita da circa 12.600 piante in un anno. Nell’estate 2019 inoltre Edison ha realizzato un intervento di efficientamento energetico presso i Laboratori del Teatro alla Scala (ex Officine Ansaldo), il cuore dei reparti artigianali che realizzano gli allestimenti scenici, portando alla sostituzione dell’impianto di illuminazione con 112 lampade Led, dotate di un sistema di gestione e controllo wireless. L’intervento consente di conseguire una riduzione dei consumi di energia elettrica superiore al 60% e di evitare l’emissione in atmosfera di 34 tonnellate di CO2 all’anno. In occasione della Prima della Scala, inoltre, Edison e il Comune di Milano realizzano dal 2011 il progetto Prima Diffusa, il palinsesto di eventi, concerti, performance artistiche e proiezioni gratuite che portano i temi e le emozioni dell’opera inaugurale al grande pubblico.

Rolex si avvicina naturalmente alle istituzioni che incarnano l’eccellenza, come il Teatro alla Scala, di cui è Orologio Esclusivo dal 2006, oltre che Partner Ufficiale della Serata Inaugurale del 7 dicembre. La collaborazione con il Teatro alla Scala prevede anche nel corso della Stagione le serate “Grandi Artisti alla Scala” e il Concerto di Natale di cui Rolex è Partner Principale. È dagli inizi del XX secolo, ossia da quando Hans Wilsdorf realizza il suo sogno di creare un orologio da polso preciso, affidabile ed elegante, che il Marchio dell’industria orologiera svizzera incoraggia senza sosta l’eccellenza individuale. Rolex è presente con il suo tradizionale sostegno agli artisti, oltre che al Teatro alla Scala, al Covent Garden di Londra, al Metropolitan di New York, all’Opéra di Parigi, al Festival di Salisburgo e ai Wiener Philharmoniker.

La partnership tra il BMW Group Italia e il Teatro alla Scala, nata nel 2002, si rinnova anche per la Stagione 2019/2020. BMW conferma la sua presenza, per la quindicesima volta dal 2005, come “Partner Ufficiale della Serata Inaugurale”. BMW Italia è inoltre Partner del Teatro alla Scala dal 2002 in qualità di «Fornitore Ufficiale». Dal 2016, in occasione del centenario del BMW Group e dei 50 anni di presenza nel nostro Paese, la filiale italiana è diventata «Fondatore Sostenitore» del Teatro alla Scala di Milano. Tra le numerose iniziative realizzate insieme nel corso degli anni, ad esempio per il lancio di nuovi prodotti, come le ultime tre generazioni della BMW Serie 7 e nel 2013 della BMW i3, la prima vettura elettrica del BMW Group. A partire dalla prima edizione del 2014 la filiale italiana del BMW Group supporta il progetto «Grandi Opere per piccoli», che mira a formare nuove generazioni di pubblico per l’opera e i concerti e ha già portato nella sala del Piermarini 200 mila giovanissimi ascoltatori, che hanno potuto apprezzare i grandi titoli del repertorio operistico adattati a misura di bambino.

Per il decimo anno consecutivo, JTI (Japan Tobacco International) sostiene il Teatro alla Scala in qualità di Partner Ufficiale della serata inaugurale. Quello tra JTI e il Teatro alla Scala è un sodalizio nato in occasione della tournée giapponese del Teatro nel 2009 e si è consolidato nel 2010 attraverso la partnership istituzionale siglata con il Museo Teatrale alla Scala. Negli anni, la collaborazione si è evoluta per rendere il patrimonio italiano accessibile a un pubblico sempre più ampio. Con questo obiettivo, JTI e il Teatro hanno creato il Progetto Accessibilità che, da quattro anni, consente alle categorie più fragili di visitare il Museo Teatrale e vedere i tesori che testimoniano il passaggio dei più grandi artisti e compositori del mondo. Dal 2015 al 2019 sono state organizzate all’interno del Museo Teatrale oltre 110 tra visite guidate e laboratori gratuiti con percorsi tattili e audioguide per i non vedenti, interpreti della lingua dei segni per i non udenti e accessi facilitati e assistiti per la terza età e i disabili motori, che hanno coinvolto oltre 1.500 persone.

Fondazione Banca del Monte di Lombardia è Partner della Serata inaugurale della Stagione 2019/2020 e supporta numerose iniziative del Teatro alla Scala anche all’esterno, come il Festival di Musica Sacra di Pavia. FBML è Fondatore Permanente del Teatro da undici anni e il suo Presidente è membro del Consiglio di Amministrazione. La Fondazione ha concentrato la sua attività nel supporto ai progetti rivolti ai giovani e ai bambini. Alcuni di questi progetti sono ormai radicati nell’offerta del Teatro: anche per la nuova Stagione FBML sostiene il ventaglio di proposte “La Scala UNDER30” tra le quali le “Anteprime Opera e Balletto” che permettono ai giovani di assistere in anteprima agli spettacoli inaugurali delle stagioni d’Opera e di Balletto. Dal 2014 la Fondazione sostiene inoltre il progetto “Grandi spettacoli per piccoli”, che realizza l’obiettivo di avvicinare i bambini alla musica e ha ormai coinvolto decine di migliaia di famiglie.

È con particolare piacere che ringraziamo alcuni dei Partner e Fornitori Ufficiali che affiancano il Teatro alla Scala in tutti i momenti più importanti della Stagione: Bellavista, Partner e Fornitore Ufficiale dal 2004, celebra i 15 anni di collaborazione con il Teatro proponendo come ad ogni Prima le migliori selezioni di vendemmia che accompagneranno tutto il menu. Tra di esse, l’ormai tradizionale Vintage Brut Teatro alla Scala 2014 ad essa dedicato.

La collaborazione con Ferrarelle prosegue dal 2007: la sua acqua 100% effervescente naturale è ancora una volta acqua ufficiale della serata inaugurale e da quest’anno dell’intera Stagione, mentre si conferma il sostegno di Vitasnella al Corpo di Ballo. Amedei, marchio italiano specializzato nella produzione di cioccolato artigianale d’eccellenza già presente nelle passate stagioni è da quest’anno Partner e Fornitore Ufficiale del Teatro alla Scala.

Si rinnova il legame con Caffè Borbone che, per il secondo anno, si conferma Partner e Fornitore Ufficiale del Teatro alla Scala: il caffè preparato secondo la migliore tradizione napoletana sarà servito al termine della cena di gala.

Protagonista della cena di gala sarà anche Riso Gallo, che consolida la partnership con il Teatro, scegliendo di omaggiare il risotto, espressione della cultura enogastronomica italiana, con l’eccellenza del Gran Riserva.

Caffè Scala cura ormai da 10 anni la cena di gala presso la Società del Giardino che quest’anno sarà firmata da uno chef di grande prestigio, Enrico Bartolini, che ha ricevuto da poche settimane la terza stella Michelin, unico a Milano. L’allestimento sarà curato da Tearose, che ricreerà l’atmosfera di un ricevimento a Palazzo Farnese con tovaglie di broccato, trionfi di fiori di stagione e candele.

Caffè Scala curerà anche la tradizionale cena delle maestranze in palcoscenico dopo la Prima.

Al termine della cena gli ospiti riceveranno in omaggio da parte degli Amici della Scala il volume “Visconti – Cinema, Teatro, Opera” a cura di Vittoria Crespi Morbio, ultima pubblicazione della collana “7 dicembre”.

Anche quest’anno LG Signature affianca il Teatro alla Scala con la presenza di due videowall per la diretta su maxischermo in Galleria Vittorio Emanuele.

Prosegue anche la collaborazione tra il Teatro alla Scala e l’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Giovanni Treccani che offrirà agli abbonati e agli acquirenti del programma di sala di tutte le rappresentazioni di Tosca la ristampa del libretto originale, come già avvenuto a partire dalla prima di Turandot nel 2015.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.