L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

La caduta

La fine di Zenobia, come appare nelle fonti più antiche e segnatamente nella Historia Augusta,è nell'immaginario romano anche la resa dei conti anche con Sofonisba e Cleopatra: Zenobia, la nemica, la regina d'Oriente, viene condotta in trionfo, cosa che il suicidio aveva evitato alle sue antecedenti, e per di più gravata di gemme e gioielli tali da far vacillare perfino il suo fisico robusto, parodia crudele, benché, forse, involontaria, dello sfarzo della corte egiziana che la sovrana tolemaica esibì nel suo soggiorno nell'Urbe. La fine è dimessa e antieroica: lei, fiera amazzone, virago, regina e guerriera in grado di far tremare Roma e creare, fra i suoi territori, un insidioso impero, è confinata sui colli romani, a terminare i propri giorni nell'anonimato, forse addirittura moglie di un senatore. La terribile regina di Palmira è addomesticata e pensionata come una anziana matrona.

Da notare che, fra V e VI secolo, Zosimo, nella Storia Nuova (Ἱστορία νέα), corregge il tiro e concede a Zenobia di perire prima di raggiungere l'Urbe, pur senza attribuirle l'onore eroico del suicidio, ma adombrando il dubbio che non sia stata colpita da una malattia, lasciandosi invece morir d'inedia. Una soluzione che, ancora una volta, evita sia la scelta virile della morte autoinflitta con una lama sia quella, più tradizionalmente femminile, per avvelenamento. Rinunciare al pubblico ludibrio del trionfo e al triste tramonto romano, non trova, dunque, un'alternativa gloriosa, ma un, se possibile, ancor più flebile spegnersi della scintilla che aveva rischiato d'incendiare un intero impero. Zosimo non si limita a questo: mentre nell'Historia Augusta il confronto fra la regina e Aureliano dimostra un'indomita fierezza ai limiti dell'arroganza ("Quid est, Zenobia? Ausa es insultare Romanis imperatoribus?" Illa dixisse fertur: "Imperatorem te esse cognosco, qui vincis, Gallienum et Aureolum et ceteros principes non putavi. Victoriam mei similem credens in consortium regni venire, si facultas locorum pateretur, optavi.”), nella Storia Nuova la regina invoca a sua difesa la debolezza femminile che l'ha resa facile preda dei fallaci consigli dei suoi cortigiani, fra cui Cassio Longino, che per questo sarebbe stato condannato a morte. Da notare che la Historia Augusta annoverava invece come esempio di deliberata crudeltà di Aureliano la condanna dello studioso, falsamente accusato – non da Zenobia ma da anonimi delatori – d'aver dettato un'impudente lettera della regina all'imperatore (Vita divi Aureliani, XXVI e segg), lettera che l'autore afferma con sicurezza esser stata dettata in siriano e poi tradotta in greco, e quindi senza dubbio concepita autonomamente da Zenobia.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.