L’Ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

Indice articoli

Il labirinto della burocrazia

di Gustavo Gabriel Otero

Efficace produzione dell'opera di Menotti, sempre attuale nonostante la distanza dall'epoca e dal contesto in cui fu concepita.

en español

Buenos Aires, 03/05/2022. Nonostante il tempo trascorso e il contesto mondiale dell'epoca della composizione e della sua prima - guerra fredda completa - sia completamente cambiato, The Consul di Gian Carlo Menotti continua a riflettere realtà molto vicine e toccanti.

Senza inutili magniloquenze e senza ricorrere a elementi che distraggono dall'azione, Rubén Szuchmacher ha proposto una messa in scena naturale, coerente e perfettamente teatrale che riflettesse adeguatamente l'oppressione e l'ansia vissute dai personaggi di fronte all'abuso di potere e alla burocrazia. La monumentale scenografia di Jorge Ferrari rappresenta i due scenari previsti dall'autore: la casa Sorel e la sala d'attesa del Consolato. I colori grigi abbondano, con un po' di bianco e nero. La struttura permette di vedere la strada dove si aggirano gli agenti segreti e il seminterrato dove si nasconde John Sorel. Ai grigi puntano i costumi della stessa Ferrari, c'è solo un po' di colore nel personaggio di Vera Boronel, che sembra appartenere a un'altra classe sociale e che è, in definitiva, l'unica ad ottenere il tanto atteso visto. Gonzalo Córdoba colpisce con l'illuminazione e il cambio di colori per le scene oniriche è perfetto. Marina Svartzman ha progettato movimenti coreografici adatti per i solisti.

Il maestro Justin Brown alla direzione musicale ha svolto un attento lavoro di concertazione, con un ottimo riscontro da parte dell'Orchestra Stabile. Forse a volte il volume strumentale offuscava un po' i cantanti, ma questo non va a scapito di un aspetto musicale assai buono.

Trionfatrice assoluta della serata è stata il soprano Carla Filipcic Holm che ha reso Magda Sorel con una straordinaria gamma di sfumature, perfezione vocale e credibilità recitativa. Adriana Mastrángelo era una segretaria del Consolato vocalmente adattata e precisa a cui si aggiungeva la sua naturale eleganza e la sua esatta caratterizzazione del personaggio. Leonardo Neiva (John Sorel) così come Héctor Guedes (Agente della polizia segreta) hanno soddisfatto perfettamente le richieste di questi personaggi brevi ma sostanziali. Virginia Correa Dupuy ha dato alla madre di John convinzione scenica ed esperienza vocale.

Hanno dato risalto alle loro parti e hanno formato un gruppo omogeneo e coinvolto Pablo Urban (il mago Nika Magadoff), Rocío Arbizu (Vera Boronel), Alejandro Spies (Mr. Kofner), Marisu Pavón (Donna Straniera) e Marina Silva (Anna Gómez). Nel breve ruolo di Assan Sebastián Sorarrain ha mostrato, ancora una volta, il suo valore.

Teatro Colón. Gian Carlo Menotti: The Consul. Opera in tre atti, libretto di Gian Carlo Menotti. Rubén Szuchmacher, regia. Jorge Ferrari, scene e costumi. Marina Svartzman, coreografia. Lautaro Vilo, drammaturgia. Gonzalo Córdova, luci. Carla Filipcic Holm (Magda Sorel), Leonardo Neiva (John Sorel), Virginia Correa Dupuy (La Madre), Adriana Mastrángelo (la segretaria del consolato), Héctor Guedes (l'agente della polizia segreta), Alejandro Spies (Mr. Kofner), Marisú Pavón (donna straniera), Marina Silva (Anna Gómez), Rocío Arbizu (Vera Boronel), Pablo Urban (Nika Magadoff), Sebastián Sorarrain (Assan). Orchestra Estable del Teatro Colón. Maestro concertatore e direttore: Justin Brown.


Registrati e ricevi gli aggiornamenti

Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.