L’Ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

Non solo Beethoven

di Ramón Jacques

Nel concerto diretto da Gustavo Dudamel - che, pur capace di sottigliezze, talora eccede nei volumi - alla Nona sinfonia di Beethoven si abbinano due prime assolute di compositori latinoamericani.

Los Angeles 28 maggio 2022 - La Nona Sinfonia di Beethoven è un'opera che piace sempre ed è inevitabile ascoltarla e viverla dal vivo ogni volta che se ne presenta l'occasione. Considerata la "massima sinfonia di festa, umanità e gioia", è stata programmata dalla LA Philharmonic, per chiudere la stagione 2021-2022 nella sua sala da concerto, la Walt Disney Concert Hall, oltre ad essere inclusa nella sua ampia stagione estiva che l'orchestra esegue nei mesi di giugno luglio, agosto e parte di settembre nell'anfiteatro all'aperto, il famoso Hollywood Bowl, che includerà, inoltre, I, il terzo atto di Die Walküre e Il lago dei cigni con il Paris Opera Ballet, la cui orchestra è anche direttore musicale Gustavo Dudamel. Dall'arrivo del direttore venezuelano, la LA Philharmonic ha promosso l'interpretazione di opere di compositori messicani e ispanici americani, oltre a commissionare e presentare in anteprima continuamente opere di compositori messicani - qualcosa di comprensibile data la popolazione di origine messicana che esiste in questa città- e latinoamericani. Per esempio, due settimane prima, in questa sala è stato ascoltato La Noche de los Mayas di Silvestre Revueltas (Messico 1840-1940) ed è stato eseguito in prima assoluta Altar de Cuerda, un'opera per violino e orchestra della compositrice messicana Gabriela Ortiz (1964), di cui nel concerto di apertura della prossima stagione a settembre si ascolterà l'opera sinfonica Yanga e una settimana dopo il Concerto per violino, commissionati dall'orchestra. Fedeli a questa tradizione, come preludio al concerto di stasera sono state eseguite due prime: Esperanza del peruviano Gonzalo Garrido Lecca (1975), una vivace opera orchestrale in tre movimenti intitolati Reencuentro-Remembranza-Porvenir, e La Serpiente de Colores del giovane messicano Francisco Cortez Álvarez (1983), tratto dall'omonimo racconto contenuto nei libri di testo del terzo anno delle scuole messicane, un'opera di una decina di minuti, una composizione radiosa, in cui spiccava la sezione d'archi della orchestra, con percussioni e ottoni abbondanti e gioiosi, in cui si possono distinguere bagliori e pennellate che ricordano la musica di Arturo Márquez, José Pablo Moncayo e persino Silvestre Revueltas - compositori messicani, conosciuti negli Stati Uniti e nel continente americano. Entrambi i compositori erano presenti nella sala e sono saliti per ricevere i rispettivi applausi, riconoscimenti e congratulazioni da Dudamel, incaricato della direzione musicale. Sebbene sia degno di riconoscimento il lavoro dell'orchestra che aggiunge nuove composizioni al suo repertorio musicale, ma senza sapere con quali criteri vengono scelti i brani da eseguire in ogni concerto, è sembrato sfortunato programmare queste due composizioni nella prima parte di una serata in cui il pubblico è eccitato e ansioso di ascoltare un'opera popolare e attraente come la Nona di Beethoven, ed essendo il terzo concerto di quattro, non so come sia stato la serata di apertura, la grande maggioranza di pubblico è entrata dopo l'intervallo, il che è senza dubbio una scortesia e uno sproposito per i compositori, per l'orchestra stessa e per il lavoro svolto.

Gustavo Dudamel non è più quel direttore impulsivo ed esplosivo che si vedeva nel 2009, all'inizio del suo incarico alla guida di questa orchestra, e sebbene la sua passione sia rimasta intatta, oggi possiamo vedere un maestro più misurato e sicuro di sé, che ha cercato di costruire e cesellare ogni passaggio e movimento di quest'opera monumentale, sempre alla ricerca dei colori e delle sfumature che contiene. È difficile pensare che questo pezzo possa lasciare insoddisfatto chi lo ascolta e lo vive, soprattutto nell'emozionante “Inno alla gioia” del quarto movimento. L'opera è stata ascoltata con fluidità e buona dinamica, anche se nel finale Dudamel ha scelto di imprimere forza e volume, pur avendo dimostrato che la sottigliezza si adatta anche qui, causando alcune discrepanze con i solisti, che, collocati tra l'orchestra e il coro, riuscivano a volte a trasmettere solo scorci delle loro voci che sembravano perdersi nella massa sonora. Tuttavia, vanno riconosciute la nitidezza, la flessibilità e il colore nel canto del soprano Janine De Bique, l'autorità, il peso, la dinamica e la risonanza vocale del basso spagnolo José Antonio López – due cantanti che, tra l'altro, dedicano molto tempo al repertorio antico. Il tenore Issachah Savage ha soddisfatto per il suo calore e l'ampiezza vocale, così come il mezzosoprano Tayler Raven nei suoi interventi. Il LA Master Chorale ha avuto una buona performance, diretto e preparato da Grant Gershon, un noto maestro di coro americano che spesso lavora anche con la vicina LA Opera (dall'altra parte della strada rispetto a questa sala da concerto).

Un entusiasta riconoscimento è stato ricevuto dagli artisti da parte di un pubblico estasiato e soddisfatto. È inteso anche come riconoscimento per una stagione ardua che si è potuta portare a termine dall'inizio alla fine senza cancellazioni.

Foto: Provided Courtesy of the Los Angeles Philharmonic Association.


 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.