L’Ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

Indice articoli

Non solo acuti

di Gustavo Gabriel Otero

Javier Camarena tiene un recital al Colon e tiene a battesimo il giovane soprano messicano Alyson Rosales, confermando, oltre alle grandi doti vocali e musicali, la sua grande generosità.

  • en español
  •  
  • Buenos Aires, 30 luglio 2022. Teatro Colón: Ciclo: Grandi interpreti. Javier Camarena, tenore – Ángel Rodríguez, pianoforte – Alyson Rosales, soprano ospite.
    Come nel suo recital con orchestra ricordato nel 2017, Javier Camarena è entrato ed è stato applaudito prima di emettere qualsiasi nota. Il tenore ha risposto esprimendo la sua gioia ed emozione nel cantare di nuovo al Colón. Con "È serbata a questo acciaro" da I Capuleti e i Montecchi di Bellini, suo biglietto da visita in questa occasione, ha dimostrato ancora una volta le sue condizioni eccezionali, il suo bel colore vocale e la sua imbattibile abilità negli acuti.
    Ha poi presentato il giovane soprano cileno Alyson Rosales, che, vincendo un concorso canoro europeo, ha avuto la possibilità di essere invitato a partecipare ad uno dei recital dell'artista messicano. La generosità di Javier Camarena non smette mai di stupire, poiché con questo gesto ripaga in qualche modo l'impulso iniziale della sua carriera nella sua terra natale.
    Alyson Rosales ha iniziato la sua prestazione con "Eccomi in lieta vesta… Oh! quante volte", sempre da I Capuleti e i Montecchi di Bellini. Il soprano ha mostrato buone condizioni vocali, un'estensione ampia e un volume apprezzabile. Sicuramente dovrà lavorare di più sui recitativi e adattare il tuo repertorio: ha accompagnato efficacemente il tenore nel duetto "Parigi, oh cara, noi lasceremo" da La traviata di Verdi, è stata corretta in "Sì, mi chiamano Mimì" da La bohème di Puccini e la grande pagina "Dieu! Quel frisson court dans me venees?... Amour, ranime mon coraggio" da Roméo et Juliette di Gounod andava oltre le sue attuali possibilità. Insomma, una voce interessante da conoscere e da ascoltare dal vivo.
    Tornando a Javier Camarena, in "Spirto gentil" dalla traduzione italiana di La favorite di Donizetti ha dimostrato le sue ampie capacità belcantistiche, la sua tecnica perfetta e il suo fraseggio accurato. Mentre in "La mia letizia infondere" da I lombardi alla prima crociata di Verdi ha mostrato quello che potrebbe essere il suo cambiamento da tenore leggero a lirico che già si sta sviluppando nella sua vocalità e che sarà naturalmente trasferito nel suo repertorio.
    Due arie francesi iniziavano la seconda parte: "Puisqu'on ne peut fléchir… Vainement ma bien-aimée" da Le roi d'Ys di Lalo cantata con ammirevole perfezione, senza lasciare dubbi sulle sue capacità nelle sfumature e "Je suis seul!… Ah! fuyez, doce image" da Manon di Massenet, che coni accenti commoventi preannuncia il successo dell'opera completa nell'aprile 2023 al Liceu di Barcellona insieme al soprano Nadine Sierra con cui condividerà il palcoscenico anche a Buenos Aires nei prossimi giorni.
    Per il finale l'artista ha riservato qualcosa anche al di fuori del suo repertorio: l'aria di Rodolfo da La bohème e "O soave fanciulla" dalla stessa opera. Ben supportata da Alyson Rosales, si è potuto apprezzare in Camarena che il suo centro sta prendendo un'altra solidità, ma anche la sua potenza vocale e la sua mirabile duttilità nel fraseggio, anche se alla fine si è notata una certa fatica a seguito del recital e delle estenuanti prove della produzione dell'Elisir d'amore che verrà proposta tra pochi giorni.
    Al pianoforte, Ángel Rodríguez è stato sempre l'accompagnatore attento e professionale di cui i cantanti avevano bisogno, mentre il suo arrangiamento dell'Habanera da Carmen di Bizet ha dimostrato la qualità musicale e virtuosistica del maestro.
    Fra gli applausi del pubblico, cinque erano i bis, provenienti dal repertorio più popolare. A vuchella di Francesco Paolo Tosti; il bolero Franqueza di Consuelo Velázquez, il tango Volver di Gardel e Lepera, per il quale ha fatto cantare il pubblico nella seconda parte; Te quiero, dijiste (Muñequita linda) di María Grever, per finire con Malagueña e le sue infinite note acute. Tutti con arrangiamenti di Ángel Rodríguez.


    Registrati e ricevi gli aggiornamenti

    Vuoi sostenere L'Ape musicale?

    Basta il costo di un caffé!

    con un bonifico sul nostro conto

    o via PayPal

     



     

     

     
     
     

    Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.