L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

La trilogia verdiana si compone al Teatro del Maggio


dopo
Il trovatore e Rigoletto venerdì 21 settembre va in scena La traviata

Il filo conduttore più evidente ed emblematico, che apre e chiude le tre opere verdiane della cosiddetta trilogia verdiana, ossia il Tricolore si accenderà sul palcoscenico del Teatro del Maggio anche per il terzo titolo in programma: da venerdì 21 settembre  - e seguìto da altre quattro repliche il 23, 25, 27 e 30 settembre – va in scena La Traviata. Drammaturgia e regia di Francesco Micheli; sul podio Fabio Luisi

Dei tre che compongono la bandiera italiana il colore emblema de La Traviata è il bianco, simbolo della purezza, colore delle camelie (la storia è ispirata al racconto La dame aux camélias di Alexandre Dumas figlio), che rappresenta il candore di Violetta. Un candore interiore, che va ben oltre i vestiti discinti con cui è abbigliata (nella regia di Francesco Micheli Violetta è una ballerina di burlesque e indossa abiti molto vistosi) e che guarda piuttosto all’autenticità del suo animo.

Cenni storici:

Il soggetto della Traviata (1853) fu concepito da Verdi per essere ambientato nei tempi presenti. E il legame, davvero scottante, con il mondo contemporaneo è ancora accresciuto dal fatto che la protagonista dell’opera rinvia alla più celebre cortigiana della Parigi di Luigi Filippo, Alphonsine Plessis, che nel febbraio 1847 era morta tisica all’età di soli ventitré anni. L’anno successivo, Alexandre Dumas figlio, che della giovane cocotte era stato notoriamente amante, pubblicò il romanzo “a chiave” intitolato La dame aux camélias e ispirato alla vita di Alphonsine, ribattezzata per l’occasione Marguerite Gautier. Il successo del libro fu tale che Dumas ne trasse, con lo stesso titolo, anche una pièce teatrale, che andò in scena a Parigi nel febbraio 1852 mentre Verdi stava soggiornando nella capitale francese. Il compositore si era appena impegnato con il Teatro La Fenice di Venezia a scrivere un’opera nuova per il carnevale 1853. Malgrado la bruciante attualità del soggetto, l’argomento del libretto - della cui stesura fu incaricato Francesco Maria Piave - venne spostato prudentemente all’epoca di Richelieu e riuscì a passare il vaglio della censura. Non sappiamo quando Verdi incominciò a scrivere la musica, ma dagli abbozzi conservati a Sant’Agata e recentemente pubblicati a cura di Fabrizio Della Seta si evince che il nuovo soggetto accese di colpo la fantasia creativa del compositore. In uno schizzo preparatorio compaiono ancora i nomi di Dumas, prova che fu scritto persino prima che Piave stendesse la “selva” del libretto. In ogni caso la partitura fu composta tra la fine di gennaio e i primi di marzo 1853, dopo che il musicista fu tornato d Roma, dove aveva messo in scena Il trovatore, composto nell’autunno precedente. La traviata è una delle opere che segna l’entrata del realismo nel melodramma italiano. Benché, com’è ovvio, essa attenui la portata di alcuni momenti scabrosi legati al tema della prostituzione (attenuazione già presente in Dumas nel passaggio dal romanzo alla pièce), è significativo che il libretto, dapprima intitolato romanticamente Amore e morte, sia stato ribattezzato da Verdi La traviata. Benché egli abbia dovuto accettare di retrodatare l’ambientazione, non c’è alcun dubbio che l’opera parli del mondo contemporaneo, del mondo mondano-borghese, per evidenziarne la volgarità, per denunciarne l’ipocrisia. A riprova di ciò basti pensare alla centralità che nella partitura verdiana assume il ballo contemporaneo par excellence, ovvero il valzer. Dal famoso brindisi del primo atto, un valzerone che accompagna l’epicureismo da quattro soldi del demi-monde, al febbrile e nervosissimo “Sempre libera”; dal valzer citato come tale nella festa del primo atto (“Non gradireste ora le danze?”) a quello trasfigurato e straziante di “Dite alla giovine” nel duetto tra Violetta e Germont del secondo atto; dal valzerino dei “mattadori”, nella festa del secondo atto, al sublime “Alfredo, Alfredo, di questo core” sembra quasi che il valzer sia sempre nascosto tra le pieghe della partitura della Traviata. Insomma, anche se i personaggi in scena sono stati travestiti a lungo da moschettieri alla Dumas padre, il pubblico non ha mai cessato di percepire la storia di Violetta Valéry come una storia in tutto e per tutto contemporanea.

La Traviata

Direttore e maestro concertatore Fabio Luisi

Progetto drammaturgico e regia Francesco Micheli

Regista collaboratore Valentino Villa

Scene Federica Parolini

Costumi Alessio Rosati

Luci Daniele Naldi

Violetta Valéry Zuzana Marková

Flora Bervoix Ana Victoria Pitts

Annina Marta Pluda

Alfredo Germont Matteo Lippi

Giorgio Germont Giuseppe Altomare

Gastone Gregory Bonfatti / Claudio Zazzaro (27, 29)

Barone Douphol Dielli Hoxha

Marchese d’Obigny Min Kim

Dottor Grenvil Adriano Gramigni

Giuseppe Luca Tamani / Fabrizio Falli (23, 27)

Un domestico Nicolò Ayroldi / Nicola Lisanti (23, 27)

Commissionario Antonio Montesi / Giovanni Mazzei (23, 27)

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Maestro del Coro Lorenzo Fratini 

Assistente regista Erika Natati

Assistente scenografo Eleonora De Leo

Assistente costumista Giulia Giannino

Figuranti speciali Irene Barbugli, Elena Barsotti, Daniela D’Argenio, Ilaria Brandaglia, Gaia Mazzeranghi, Paolo Arcangeli, Gianni Bertoli, Fabrizio Casagrande, Cristiano Colangelo, Pierangelo Preziosa, Mauro Stagi 

ACCORDO SPECIALE PER CORRI LA VITA

Per l’ultima recita di Rigoletto del 29 settembre e per l’ultima di Traviata del 30 il Maggio sostiene la manifestazione CORRI LA VITA: presentando in biglietteria la pettorina ricevuta al momento dell’iscrizione alla corsa si potranno acquistare i biglietti per una o per le due recite a un prezzo particolare e il Maggio destinerà parte della somma alla manifestazione.

AVVISO - SITUAZIONE PARCHEGGI.

Si informa il gentile pubblico che piazza Vittorio Veneto è occupata dal campo base del set cinematografico per il film SixUnderground e dalla Festa dell’Unità. Quest’ultima terminerà il 16 settembre, mentre il set cinematografico smonterà il 21. Nei giorni successivi, e vale a dire dal 27 al 30 settembre è prevista la manifestazione CORRI LA VITA che occuperà nuovamente la Piazza.

Dalla prima Trovatore del 13 settembre e per tutte le recite successive della trilogia verdiana, il nostro pubblico potrà utilizzare i parcheggi lato Cascine o servirsi del parcheggio intitolato al Maggio in via Gabbuggiani, usufruendo della convenzione con il teatro la quale assicura uno sconto sulla tariffa. Il Maggio esprime il dispiace per il disagio e ringrazia per la comprensione.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal