L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

STAGIONE LIRICA

Turandot, Pelléas et Mélisande, scene da Rigoletto e Ascesa e caduta della Città di Mahagonny, in prima assoluta per Parma, sono i quattro titoli del ’900 che compongono la Stagione Lirica 2020, da gennaio a maggio.

L’inaugurazione sarà nel nome di Giacomo Puccini con Turandot (10, 11, 12, 17, 18, 19 gennaio 2020), che andrà in scena nell’allestimento creato da Giuseppe Frigeni - che ne firma regia, scene e luci – con i costumi di Amélie Haas. In scena, diretti da Valerio Galli alla testa della Filarmonica dell’Opera Italiana Bruno Bartoletti, del Coro del Teatro Regio di Parma preparato da Martino Faggiani e del Coro di voci bianche Ars Canto Giuseppe Verdi preparato da Eugenio Maria De Giacomi, Rebeka Lokar (Turandot), Carlo Ventre (Calaf), Vittoria Yeo (Liù), Luca Casalin (Altoum), Giacomo Prestia (Timur), Fabio Previati (Ping), Roberto Covatta (Pang), Matteo Mezzaro (Pong) e Benjamin Cho (Un mandarino). Nella recita del 11 gennaio Turandot sarà interpretata da France Dariz e in quella del 18 gennaio da Giovanna Casolla. In entrambe Samuele Simoncini sarà Calaf, Marta Torbidoni Liù, George Andguladze Timur. L’opera è realizzata in coproduzione con Fondazione Teatro Comunale di Modena e Fondazione I Teatri di Piacenza.

A distanza di 54 anni dall’unica rappresentazione al Teatro Regio, Pelléas et Mélisande di Claude Debussy (14, 20, 22 marzo 2020) andrà in scena, in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020, nel nuovo allestimento con la regia di Renaud Doucet, con le scene e i costumi di André Barbe e le luci di Guy Simard. A dirigere il cast composto da Monica Bacelli (Mélisande), Phillip Addis (Pelléas), Christian Senn (Golaud), Bjarni Thor Kristinsson (Arkël), Jennifer Larmore (Geneviève), Silvia Frigato (Yniold), Francesco Salvadori (Un medico, Un pastore), sarà Marco Angius, alla guida dell’Orchestra dell’Emilia Romagna Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma preparato da Martino Faggiani. Lo spettacolo, in lingua originale e con sopratitoli in italiano e in inglese, è realizzato in coproduzione con Fondazione Teatro Comunale di Modena e Fondazione I Teatri di Piacenza.

Scene daRigoletto di Giuseppe Verdi animeranno il palcoscenico del Teatro di Busseto (27, 28, 29 marzo, 3, 4, 5 aprile 2020), sotto la bacchetta di Stefano Franceschini che dirigerà l’Orchestra Giovanile Bertolucci e l’Orchestra Mind For Music e un cast di giovani cantanti che sarà annunciato nei prossimi mesi.

A chiudere la Stagione Lirica, una prima assoluta per Parma: Ascesa e caduta della Città di Mahagonny (Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny), l’opera composta nel 1929 da Kurt Weill su libretto di Bertolt Brecht, debutterà al Teatro Regio, in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020, in un nuovo allestimento firmato da Henning Brockhaus, con le scene di Margherita Palli, le luci di Alessandro Carletti, i costumi di Giancarlo Colis, le coreografie di Valentina Escobar. A interpretare la partitura di quello che è unanimemente considerato un capolavoro del teatro musicale del ’900 saranno Christopher Lemmings (Tobby Higgins e Jack O’brien), Marianne Cornetti (Leokadja Begbick), Chris Merritt (Fatty), Luiz Ottavio Faria (Trinity Moses), Anne-Maire Kremer (Jenny Hill), Brendel Gunnell (Jimmy Mahoney), Eric Greene (Bill), Martin Hässler (Joe), con la voce recitante di Sergio Basile, diretti da Marco Angius alla testa della Filarmonica dell’Opera Italiana Bruno Bartoletti, del Coro del Teatro Regio di Parma preparato da Martino Faggiani.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.