L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

REGIOYOUNG

14 spettacoli e 53 appuntamenti da ottobre a maggio. Ecco RegioYoung 2019-2020, la stagione del Teatro Regio di Parma dedicata al pubblico delle famiglie, delle scuole e dei bambini da 0 a 14 anni, un ricco e variegato calendario di proposte e di approfondimento.

Alice(4, 5, 6, 7 dicembre 2019) è la nuova produzione d’opera per i più piccoli commissionata dal Teatro Regio di Parma e presentata in prima assoluta con la musica di Matteo Franceschini su libretto di Edouard Signolet da Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carrol. Realizzata in coproduzione con Fondazione Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, l’opera è affidata alla regia di Caroline Leboutte, con le scene e i costumi di Aurélie Borremans e le luci di Nicolas Olivier e racconta a grandi e piccini, a partire da 8 anni, le avventure di Alice: in un mondo di matti, spinta da inesauribile curiosità, Alice si difende da adulti incoerenti e autoritari, e senza mai abbattersi supera le paure e aggira gli ostacoli. Una bambina audace, in cerca di risposte, che insegna ai più piccoli a non arrendersi davanti alle difficoltà e ai grandi a non sottovalutare la forza e le infinite potenzialità dei bambini. Sul podio dell’Orchestra Giovanile Bertolucci, Stefano Franceschini dirige i giovani cantanti interpreti dei personaggi della celebre fiaba.

RegioYoung inaugura la nuova stagione in occasione del Festival Verdi con i due appuntamenti di VerdiYoung: Nabuccolo e Aida in 55 minuti. In Nabuccolo,produzione Opera Kids/As.Li.Co in scena al Ridotto del Teatro Regio (18, 19, 20 dicembre 2019), cantanti, pupazzi, attori e burattini raccontano ai bambini a partire da 3 anni la storia del celebre re di Babilonia e dell’amore impossibile dei giovani Fenena e Ismaele. I temi dell’opera verdiana - la lotta per la giustizia, la conquista della libertà, il rapporto tra oppressi e oppressori - incontrano i linguaggi della fiaba e del teatro di figura per coinvolgere il pubblico dei bambini e appassionarli all’opera attraverso il gioco e l’azione. La drammaturgia musicale è di Federica Falasconi, maestro al pianoforte; regia e luci sono di Federico Grazzini, che cura anche la drammaturgia con Matteo Salimbeni, le scene di Andrea Belli, i costumi di Valeria Bettella, che firma anche i pupazzi con Paolo Pili. All’Auditorium del Carmine Aida in 55 minuti (19 ottobre 2019) realizzato in collaborazione con Società dei Concerti di Parma, musica e gag per raccontare una delle storie più celebri del melodramma. I cinque musicisti Marco Braito (tromba), Marco Pierobon (tromba) Stefano Ammannati (tuba), Gianluca Scipioni (trombone), Nilo Caracristi (corno) suonano, cantano, recitano e ballano sulle musiche del capolavoro verdiano arrangiate da Marco Pierobon, in un racconto ironico e giocoso che li vede trasformarsi ora in Aida, ora in Radamés, ora nel Faraone.

Commissione del Teatro Regio di Parma in prima assoluta, La bella addormentata (29, 30 maggio 2020) è lo spettacolo sulle musiche di Pëtr Il’ič Čajkovskij prodotto in collaborazione con Teatro del Cerchio e ispirato a La bella addormentata nel bosco di Charles Perrault, con testo e regia di Mario Mascitelli, scene e costumi di Antonella Mascitelli e Stefano Franceschini sul podio dell’Orchestra Giovanile Bertolucci. La celebre fiaba andrà in scena in un’inedita riscrittura che ambienta la storia in un castello “moderno” che l’incantesimo della strega cattiva trasforma in una spettrale discarica con scheletrici alberi di plastica. I personaggi, interpretati da Mario Aroldi, Gabriella Carrozza, Chiara Casoli, Mario Mascitelli, Silvia Santospirito, Martina Manzini, Martina Vissani, sono quelli conosciuti da tutti: le tre streghette, il re, la regina, Grimilde e naturalmente lei, Bella, la principessa salvata da moderno un principe azzurro.

Sacco a pelo, tappetino, pigiama, ciabatte, spazzolino da denti e borraccia: è tutto ciò che serve per vivere Una notte all’opera (29 maggio 2020), la coinvolgente esperienza riservata a circa 50 bambini, da 7 a 10 anni, che potranno trascorrere una notte indimenticabile al Teatro Regio di Parma. Un’avventura formativa e divertente dedicata ai piccoli che saranno protagonisti di un’avvincente caccia al tesoro tra gli stucchi e i velluti della sala del Regio, realizzata in collaborazione con il Club dei 27. Dopo la cena al Gran Caffè del Teatro, i bambini, divisi in squadre, scopriranno il Teatro e i suoi segreti alla ricerca di spartiti, oggetti di scena, costumi, ritratti, parrucche, libri nascosti in foyer, nei palchi, in Sala, in Ridotto. Risolvendo indovinelli e trovando la giusta risposta ad alcuni quesiti, potranno imparare divertendosi la storia di Giuseppe Verdi e del Regio. Al termine della caccia al tesoro, i bambini raggiungeranno la sala di Scenografia, proprio sotto il tetto del Teatro e assistititi dal personale del Regio potranno preparare il loro giaciglio per la notte sul pavimento di assi su cui provano cantanti, ballerini e musicisti, e addormentarsi così sotto lo scintillio delle stelle che brillano dai lucernai. Prima della buonanotte ci sarà ancora una sorpresa per tutti loro. All’indomani una golosa colazione al Gran Caffè del Teatro.

Dieci, cento, mille voci per cantare la gioia di stare insieme: Corinsieme (10 novembre 2019) è il concerto benefico a favore di Save the Children e Ospedale dei Bambini “Pietro Barilla” di Parma a cura di Niccolò Paganini e Francesca Carra, realizzato in collaborazione con Associazione culturale “San Benedetto”. Melodie entrate nei cuori, capaci di suscitare emozioni ed evocare ricordi, interpretate dai cori scolastici e di voci bianche.

Ispirato alla scrittura dei fratelli Grimm, debutta Cappuccetto Rosso (24, 25 novembre 2019) produzione della Compagnia Giardino Chiuso, con la messinscena di Tuccio Guicciardini, la coreografia di Patrizia De Bari, il video di Andrea Montagnani, la voce di Annibale Pavone e con Eleonora Chiocchini e Rebecca Siciliano. Uno spettacolo incentrato sulla capacità magica del movimento di amplificare le parole della favola. Sulla scena, passando dalla piccola casetta bianca a un bosco dai mille colori, a un lupo dai grandi occhi, le figure di Cappuccetto Rosso e della mamma trasporteranno il pubblico in un viaggio fantastico tra sogno e realtà aprendo, con creatività e fantasia, uno spazio all’immaginario.

ParmaFrontiere presenta una nuova edizione di Cartoons. Se puoi sognarlo puoi farlo! (30 novembre 2019) l’immaginario dei cartoni animati rivive su un palcoscenico, a tempo di jazz, in un concerto-spettacolo per piccoli e grandi sognatori. Perché si può danzare un’immagine, ascoltare un colore, gustare una parola, dissetarsi d’un suono.

Una culla sonora per la famiglia, consigliata dal quinto all’ottavo mese di gravidanza, quando il bambino nella pancia comincia a percepire e reagire ai suoni provenienti dall’esterno. Tornano le emozioni di Opera Meno 9 (16 dicembre 2019, 20 gennaio 2020, 17 marzo 2020), il viaggio musicale per le famiglie in attesa che si sviluppa in tre appuntamenti dedicati a mamme, partner e ai bimbi in arrivo. Un percorso laboratoriale alla scoperta della musica e della propria voce. A tutti i partecipanti sarà consegnato un kit ludico musicale con inviti all’ascolto e per chi acquista l’abbonamento a tutti e tre gli appuntamenti due biglietti per lo spettacolo Si gioca e si cresce per i bambini da 0 a 3 anni, per vivere le prime emozioni del teatro e innamorarsi della musica.

Rigoletto di Giuseppe Verdi è protagonista dei tre appuntamenti a cura di As.Li.Co, per raccontare al pubblico di ogni età la storia del giullare di corte.

Il guardiano e il buffone ossia Rigoletto (che ride e piange) (6, 7 marzo 2020) è lo spettacolo di Opera Kids per i bambini da 3 a 6 anni in scena al Ridotto del Teatro Regio con la drammaturgia e la regia di Simone Faloppa e Riccardo Olivier, in collaborazione con Eco di fondo, e la drammaturgia musicale di Giorgio Martano. In un museo del giocattolo, un guardiano imbranato annuncia al pubblico la chiusura. È rimasto un solo visitatore, incantato da un palazzo ducale in miniatura, intento a parlottare con dei vecchi pupazzi che sembrano magicamente rispondergli. Egli è un ricco collezionista, convinto di essere il Duca di Mantova ed è disposto a pagare qualunque cifra per completare la sua collezione col pezzo più prezioso: la bella Gilda. Dall’altro lato del palazzo, un vecchio e goffo pagliaccio, Triboletto, supplica il guardiano di aiutarlo a proteggere Gilda, che è proprio sua figlia. Da che parte schierarsi? Riuscirà il guardiano a far ricongiungere padre e figlia, e a salvare la collezione del museo?

In Rigoletto. I misteri del teatro (5, 6 aprile 2020) una compagnia di cantanti arriva in teatro per mettere in scena Rigoletto ed ecco che, tra fondali e sipari, quinte e bauli, luci e ombre, macchine del vento e del tuono, il capolavoro verdiano rinnova la magia dell’opera e diventa l’occasione per svelare ai bambini da 6 anni i trucchi e i segreti della complessa e affascinante macchina teatrale, capace di trasformare la finzione in realtà. Lo spettacolo di Opera Domani coprodotto da Bregenzer Festpiele, va in scena con la regia di Manuel Renga, le scene e i costumi di Aurelio Colombo, l’adattamento musicale e drammaturgico a cura di As.Li.Co. Cesare Della Sciucca dirige l’Orchestra 1813 e i cantanti As.Li.Co.

In Si gioca e si cresce ovvero Storia di Gilda e Rigoletto (16 maggio 2020) suoni, colori e parole si intrecciano nel primo spettacolo della vita, dedicato ai bambini da 0 a 3 anni, immersi in un’esperienza sensoriale coinvolgente per vivere le prime emozioni del teatro e innamorarsi sin da piccoli della musica e dell’opera. Nello spettacolo di Opera Baby, con la regia di Eleonora Moro e l’ideazione musicale di Giorgio Martano, una piazza, una strada affollata, un crocevia sono teatro del prima e del dopo, di quel che accade quando l’arrivo di un figlio sconvolge la vita della famiglia. L’opera di Giuseppe Verdi diventa lo spunto per un racconto d’amore: come forza che muove il mondo e sconvolge le vite di chi lo incontra.

Festeggia 20 anni Imparolopera il formatideato da Bruno Stori, Donatella Saccardi e Vincenzo Raffaele Segreto, tra i primi progetti educational sull’opera, inaugurato nel 1999 a cura del Teatro Regio di Parma e del Conservatorio “Arrigo Boito”, che anno dopo anno, opera dopo opera, ha permesso ad oltre 70.000 bambini di scoprire la bellezza del teatro e della musica. Quest’anno (16 marzo 2020) presenta Turandot, un viaggio fantastico nella Cina della regina protagonista della celebre opera di Giacomo Puccini, interpretato da Bruno Stori, che ne cura testi e regia, con gli allievi del Conservatorio di musica “Arrigo Boito” di Parma, coordinati da Donatella Saccardi. Un intreccio di parole e note accompagnati dai tre ministri imperiali Ping, Pong e Pang, per scoprire se qualcuno riuscirà a risolvere i tre indovinelli, ottenendo la mano della regina.

Ritorna l’appuntamento del sabato pomeriggio con Fiabe a Sorpresa (21 marzo, 18 aprile, 23 maggio 2020) le più belle storie interpretate da attrici accompagnate da musica dal vivo. Il progetto, commissionato dal Teatro Regio di Parma in prima assoluta è a cura di Collettivo Artistico Mondo Bello, con l’ideazione di C999 e Sabina Borelli, che ne cura la regia e darà voce ai grandi capolavori della tradizione favolistica accompagnata dalle musiche improvvisate dal vivo da Luca Sutto. Come aprendo le pagine di un grande audiolibro vivente verranno fuori storie e avventure da vivere insieme, con la possibilità di riviverle a casa grazie alle registrazioni audio disponibili sul sito del Teatro Regio.

Due Laboratori didattici dedicati a Nabuccolo (19 ottobre 2019) e Rigoletto. I misteri del teatro (2 dicembre 2019, 14 gennaio, 10 febbraio, 5 aprile 2020) sono riservati ai docenti e alle famiglie per trasmettere ai giovani spettatori la passione per la musica e prepararli a vivere l’emozione del debutto in Teatro.

Alle visite guidate per le scuole e per le famiglie alla scoperta del Teatro Regio e del backstage, si aggiungono percorsi speciali dedicati ai più piccoli. Il Regio è quiz il gioco a squadre dedicato agli alunni delle scuole secondarie di I grado che, dopo la visita guidata al Teatro, dovranno rispondere ad alcune domande estratte a sorte: il Teatro Regio e la sua storia, lo spettacolo d’opera, la vita di Maria Luigia, Giuseppe Verdi e le sue opere saranno alcuni dei temi sui quali i compagni di classe si sfideranno, cercando di evitare gli “imprevisti”, come i fischi dal loggione o il cantante senza voce. I segreti del Teatro Regio, una visita dedicata ai bambini da 3 a 6 anni che con i compagni di classe o con la famiglia dovranno trovare gli oggetti misteriosi nascosti e riporli nel grande baule al centro del Foyer. Tu conosci il Regio? La visita dedicata ai bambini da 6 a 10 anni che, suddivisi in squadre, dovranno ricomporre il grande puzzle della Sala del Regio per vincere biglietti e premi teatrali. Per informazioni e prenotazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – tel. 0521 203995

I biglietti per gli spettacoli per le famiglie sono in vendita presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma (tel. 0521 203999 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) dal 6 settembre 2019 e online su teatroregioparma.it dal 7 settembre 2019.

Le scuole potranno prenotare i biglietti all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e ritirarli presso la Biglietteria del Teatro Regio seguendo il calendario indicato sul programma di RegioYoung e sul sito www.teatroregioparma.it. L’eventuale fatturazione elettronica dev’essere richiesta al momento della prenotazione, fornendo i dati obbligatori e definitivi.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.