L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Bach & Italy: quando Bach parla la nostra lingua

In collegamento da Torino, dal 22 al 28 novembre 2020,

il primo Convegno Internazionale interamente digitale dedicato a Bach.

Si è discusso molto, negli ultimi mesi, di come trasformare il mezzo digitale da ripiego ad opportunità.
Un caso studio sarà certamente il convegno internazionale “Bach e l’Italia”, organizzato dall’associazione JSBach.it insieme all’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte e al Conservatorio G.Verdi di Torino, in programma dal 22 al 28 novembre 2020.

21 appuntamenti tra sessioni tematiche, lectio magistralis, tavole rotonde e lecture recitals, con oltre 80 ospiti da tutto il mondo, per approfondire il rapporto tra il grande compositore tedesco e il nostro paese.

Inizialmente pensato in presenza, il convegno è stato riprogrammato interamente in digitale: una scelta che ha consentito di coinvolgere relatori e interpreti di caratura internazionale e che permetterà al pubblico di appassionati e studiosi di tutto il mondo di seguire gli appuntamenti, trasmessi gratuitamente sulle pagine Youtube e Facebook dell’Associazione e diffusi anche grazie all’importante media partnership con Rai Radio 3 Classica. Le registrazioni dei video, inoltre, resteranno liberamente accessibili, andando a costituire un notevole archivio multimediale di risorse sul tema di Bach e del suo rapporto con l’Italia. Tutto questo, senza perdere di vista il forte legame con il territorio, grazie alla stretta collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema e “Torino città del cinema 2020”, il Politecnico e l’Università di Torino, il Festival BackTOBach, l’Accademia Maghini e l’Accademia Santo Spirito, e con il patrocinio di Regione Piemonte e Città Metropolitana di Torino.

Torino, città dalla forte impronta barocca sia nell’architettura sia nella musica (si pensi alla presenza dell’Archivio Vivaldi), che proprio al Barocco ha dedicato importanti iniziative nel corso del 2020, è protagonista fin dalla cerimonia d’apertura. Domenica 22 novembre alle 21, dalla magnifica Reggia di Venaria, le due musicologhe e fondatrici di JSBach.it, Chiara Bertoglio e Maria Borghesi, presenteranno una serata introduttiva ai temi del convegno, con la partecipazione dei partner isituzionali e gli interventi musicali del Trio Quodlibetsulle note delle celeberrimeVariazioni Goldberg di Bach.

Il primo appuntamento del lunedì mattina, come da tradizione italiana, è con un buon caffè. Il lavori si apriranno infatti con un’edizione speciale di “Un caffè con JSBach.it”, il fortunato format di interviste in remoto creato dall’associazione durante il lockdown, che con illustri ospiti ha saputo coinvolgere nei mesi scorsi una platea di oltre 10.000 spettatori. Protagonista del Caffé di lunedì 23 novembre alle ore 11 il pianista e musicologo scozzese Kenneth L.Hamilton, docente all’università di Cardiff. Si tratterà l’interpretazione pianistica delle trascrizioni italiane di Bach. L’incontro, che si svolgerà in lingua inglese, sarà sottotitolato.

Alle ore 15 la prima delle dieci sessioni tematiche del convegno verterà sull’interesse di Bach nei confronti di Vivaldi e della musica italiana. Tra i relatori il celebre clavicembalista Enrico Baiano, con una lezione-concerto su “Bach e la seconda prattica”. Alle 17, invece, l’incontro moderato da Valentina Bensi della Radio Svizzera Italiana introduce uno dei temi suggestivi del convegno: il rapporto tra la musica di Bach e i media italiani, tra radio e cinematografia.

Importante appuntamento alle ore 21, con la Lectio Magistralis di apertura tenuta dal sovrintendente del Festival Bach di Lipsia, Michael Maul: un giovane studioso che si è imposto all’attenzione del mondo intero grazie al ritrovamento di due autografi perduti di Bach.


Si torna a parlare di Cinema con il panel a cura della Fondazione Ugo e Olga Levi di Venezia, martedì 24 alle ore 10. I relatori ricostruiranno il fertile rapposto tra la musica di Bach e il grande schermo, da Ciprì e Maresco a Walt Disney, da Olmi a Pasolini. Proprio a Pasolini, nel giorno dei 45 anni dalla morte, è stato dedicato anche l’evento di anteprima del Convegno il 2 novembre, un’intervista al musicologo Paolo Vittorelli, autore di uno studio sull’uso della musica di Bach nella colonna sonora del Vangelo secondo Matteo in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Altro interessante focus multidisciplinare quello su Bach e la pedagogia, al centro della sessione delle ore 15.00 condotta dall’esperto di didattica Piero Di Egidio.

Alle ore 21 la prima delle tre tavole rotonde del convegno, tra gli appuntamenti più attesi a livello internazionale, vede protagonista il leggendario interprete bachiano Ton Koopman, che tratterà il rapporto tra Bach e il Sacro. Con lui il fondatore degli studi di teologia della musica Jeremy Begbie, Richard Rouse del Pontificio consiglio per la cultura, e Michael Marissen, autore del libro Bach and God.

Ancora all’insegna della musica sacra e liturgica il primo incontro di mercoledì 25, alle ore 10, dedicato a Bach nella tradizione organistica italiana, mentre la sessione delle ore 11 apre prospettive inedite sulle sue reinterpretazioni nel rock e nella musica elettronica.

Uno straordinario pomeriggio di musica, con quattro lezioni concerto in collegamento da Germania, Italia e Israele, avrà inizio alle ore 15.00 con il titolo di Bach’s Italian Style. A condurre questa imperdibile sessione sarà nientemeno che Yo Tomita, uno tra i più importanti studiosi bachiani al mondo. Di grande respiro internazionale anche la tavola rotonda delle ore 21, con un incontro tra l’associazione JSBach.it e le più auguste società bachiane internazionali: Il Bach Archiv di Lipsia, l’American Bach Society rappresentata dal presidente Daniel R. Melamed, la rete di studiosi Back Network e l’Associazione Bach Olandese, che con JSBach.it condivide l’uso innovativo degli strumenti di divulgazione digitale. L’Associazione ha infatti realizzato una straordinaria serie di video su Youtube con l’integrale dell’opera bachiana.

Un altro interessante progetto di divulgazione della musica di Bach, il “Bacharo Tour” sarà presentato nella prima sessione tematica del giovedì, alle ore 10, dedicata ai luoghi di Bach in Italia. A presiedere l’incontro Sabrina Saccomani dell’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte, associazione co-organizzatrice del convegno fondata da Alberto Basso, il più grande studioso italiano di Bach e presidente onorario di JSBach.it.

In collaborazione con il Conservatorio di Torino, terzo co-organizzatore dell’iniziativa, la serie di lezioni concerto in programma a partire dalle ore 15, dedicata alla trascrizione di Bach da parte dei musicisti italiani. Modererà la sessione il compositore Alessandro Ruo Rui.

Alcune leggendarie figure della musica e della musicologia animeranno poi l’ultima delle tre tavole rotonde, alle ore 21: accanto al celebre musicista e clavicembalista Bruno Canino e al grande organista Lorenzo Ghielmi interverranno Rinaldo Alessandrini, fondatore di Concerto Italiano, Giovanni Bietti, creatore di “Lezioni di musica” per RAI-Radio3, Claudio Chiavazza, creatore del festival BackTOBach, e Maria Majno, cui si deve l’organizzazione dell’integrale delle Cantate di Bach a Milano.

La musica sarà indiscussa protagonista della giornata di venerdì 27, che si apre alle ore 10 con le lezioni-concerto di Stefano Campanini e Aldo Orvieto nell’ambito di una sessione su Bach e i compositori italiani contemporanei, moderata dalla studiosa Susanna Pasticci.

Due grandi interpreti come Maurizio Baglini e Andrea Padova condurranno le due lezioni concerto del pomeriggio – dalle ore 15.00 – in un incontro tra studiosi da Grecia, Usa, Austria e Italia sulla ricezione italiana di Bach. A condurre la sessione sarà Erynn Knyt, dell’Università del Massachusetts.

Chiuderà la giornata, alle ore 21, la trasmissione del concerto dell’Accademia e Coro Maghini registrato durante il festival BackToBach 2020, il più importante evento bachiano in Italia.

Si replica l’appuntamento con il format “Un Caffé con JSBach.it” per l’ultima mattinata del convegno, sabato 28 novembre alle ore 10. Questa volta ad essere intervistato da Chiara Bertoglio sarà uno dei massimi esperti della ricezione della musica di Bach, Michael Heinemann dell’Università di Dresda.

Si chiude alle ore 16 con un appuntamento ad altissimo livello, la Lectio Magistralis di Raffaele Mellace, docente dell’Università di Genova tra i più stimati studiosi del Bach sacro. A lui spetterà il compito di mettere a fuoco gli aspetti più rilevanti del rapporto tra la musica di Bach e l’Italia, emersi nel corso delle giornate precedenti.

Alle ore 17 le fondatrici di JSBach.it, Maria Borghesi e Chiara Bertoglio, tracceranno un primo bilancio del convegno e apriranno a prospettive e iniziative future.

Bach e l’Italia”, il primo convegno interamente digitale e italiano dedicato a Bach, promette fin d’ora di essere un evento di risonanza mondiale, capace di convogliare virtualmente su Torino le più notevoli esperienze musicali e musicologiche al mondo. Un risultato sorprendente soprattutto considerata la recentissima fondazione dell’associazione JSBach.it, nata solamente un anno fa dall’iniziativa di due musicologhe giovani e già affermate, Maria Borghesi e Chiara Bertoglio, e cresciuta grazie all’impegno di uno staff preparato ed entusiasta.

L’approccio innovativo dell’Associazione si traduce in un programma che non solo mira al sicuro interesse degli studiosi, ma si pone come obiettivo il coinvolgimento di pubblici diversi. Quello delle nuove generazioni, innanzitutto, attraverso l’uso dei sociale degli strumenti digitali. E poi delle persone che, per ragioni geografiche o economiche, hanno scarso accesso a risorse di qualità per lo studio. Da qui la decisione di proporre un’iniziativa totalmente gratuita e di lasciare tutti i video del convegno a disposizione di chi vorrà fruirne, senza limiti di tempo.

Oltre 1800 minuti di streaming, per leggere Bach e il suo rapporto con l’Italia da prospettive nuove, e con nuovi linguaggi.

Il programma completo è sul sito https://www.jsbach.it/bach2020

I canali su cui si svolgerà il Convegno: https://www.facebook.com/jsbach.it e https://tinyurl.com/youtubeJSBach

Congresso “Bach e l’Italia” – descrizione eventi

Domenica 22.11 h. 21 – Cerimonia inaugurale

Trasmessa dalla splendida cornice della Reggia di Venaria, la Cerimonia di inaugurazione del Convegno, a cura di Chiara Bertoglio e Maria Borghesi di JSBach.it, presenta una panoramica dell’importanza scientifica del convegno nel contesto degli studi e dell’esecuzione di Bach, e del dialogo culturale fra Bach e l’Italia, fra l’Italia e Bach.

Lunedì 23.11 h. 11 – Un caffè con JSBach.it – episodio speciale

Kenneth Hamilton, Head of Music dell’Università di Cardiff, è un pianista e musicologo scozzese di altissima levatura, autore di monografie pubblicate da Cambridge University Press e di registrazioni musicali premiate con riconoscimenti internazionali. In dialogo con Maria Borghesi di JSBach.it affronterà il tema dell’interpretazione di Bach al pianoforte con riferimento speciale alle trascrizioni italiane.

Lunedì 23.11 h. 15 – Sessione – Lo sguardo italiano di Bach

Presieduta da Anna Rita Colturato dell’Università di Torino, quest’ampia sessione in lingua italiana discute l’interesse che Bach ebbe nei confronti della musica italiana, con particolare attenzione alla figura di Vivaldi. Tra le figure di spicco il grande clavicembalista Enrico Baiano che terrà una lezione concerto su “Bach e la Seconda Prattica”.

Lunedì 23.11 h. 17 – Sessione – Bach in onda

La musicologa Valentina Bensi della Radio Svizzera Italiana modera una sessione su Bach nei media italiani, fra cui la radio dell’epoca fascista (con una presentazione di Beatrice Birardi) ed una prospettiva cinematografica offerta dal regista Francesco Leprino, autore di una pellicola dedicata a Bach e all’Arte della Fuga

Lunedì 23.11 h. 21 – Lectio Magistralis

La prima delle due lectiones magistrales del convegno sarà tenuta in lingua inglese da Michael Maul, Intendant del BachFest di Lipsia e ricercatore del Bach Archiv, che, da giovanissimo studioso, ha riportato alla luce ben due autografi di brani bachiani finora sconosciuti.

Martedì 24.11 h. 10 – Sessione – Bach e il cinema italiano

Sessione di grande prestigio formata da un gruppo di studiosi della Fondazione Levi di Venezia, specializzati nello studio della musica per film. Presieduta da Roberto Calabretto dell’Università di Udine, figura di primo piano in questo campo, la sessione esplorerà la presenza della musica di Bach nella cinematografia italiana, con particolare attenzione a Pasolini e Olmi; la sessione si colloca così in continuità con l’evento inaugurale del Convegno, il 2.11 in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino e in occasione del 45° della morte di Pasolini e dell’Anno “Torino città del cinema 2020”.

Martedì 24.11 h. 15:30 – Sessione – Bach e la pedagogia in Italia

Piero Di Egidio, figura di spicco nel campo della pedagogia musicale in Italia, modera la sessione dedicata alla presenza di Bach nelle scuole e nei Conservatori italiani; presenza che traccia un suggestivo itinerario comprendente l’appropriazione della tradizione pedagogica italiana da parte di Bach e le più recenti reinterpretazioni correlate ad esperimenti didattici realizzati nel recentissimo passato.

Martedì 24.11 h. 21:00 – Tavola rotonda – Bach’s Sacred Works in a Catholic Country

La prima delle tre tavole rotonde, fra gli eventi più importanti di questo Convegno, vedrà interagire il leggendario interprete bachiano Ton Koopman con il “fondatore” della disciplina della teologia della musica, Jeremy Begbie, con Michael Marissen, autore del libro Bach and God, con il teologo Albert Clement, che ha curato lo studio della Bibbia posseduta da Bach, e con Richard Rouse del Pontificio Consiglio per la Cultura.

Mercoledì 25.11 h. 10:00 – Sessione – Bach e la tradizione organistica in Italia

Bach il grande organista ha lasciato importanti tracce nella tradizione esecutiva e compositiva italiana, in particolare legate al movimento detto “cecilianesimo” (tra Ottocento e Novecento) in cui si cercarono nuove vie per la musica sacra e liturgica. La sessione, presieduta da Massimiliano Guido dell’Università di Pavia, prevede interventi di grande interesse storico con importanti rivelazioni su figure finora trascurate ma meritevoli di grande attenzione.

Mercoledì 25.11 h. 11:00 – Sessione – Bach in the Italian Media

Fredric Fehleisen, della celebre Juilliard School di New York, modera una sessione su Bach nei media italiani, in cui Fabio Rizza presenterà un’interessante relazione su Bach nella musica rock, e Paolo Somigli una prospettiva sul compositore Pietro Grossi e il suo uso dell’elettronica nella ricezione di Bach.

Mercoledì 25.11 h. 15:30 – Sessione – Bach’s Italian Style

Una sessione di grandissimo rilievo, presieduta da Yo Tomita, fra i più importanti studiosi bachiani al mondo, con interventi da parte di studiosi provenienti da Germania, Inghilterra, Israele e Italia, e con numerose lezioni-concerto che configureranno questo evento quasi come un mini-festival musicale dedicato all’attenzione che Bach rivolse alla musica italiana.

Mercoledì 25.11 h. 21:00 – Tavola rotonda – Bach Societies Worldwide

L’Associazione Culturale JSBach.it, di recente fondazione da parte di Chiara Bertoglio e Maria Borghesi, incontra associazioni e società bachiane fra le più auguste al mondo, fra cui il Bach Archiv di Lipsia, cuore pulsante della ricerca bachiana al mondo, la American Bach Society, il cui presidente Daniel Melamed sarà presente, l’Associazione Bach olandese che organizza una straordinaria serie di video con l’integrale delle opere bachiane su YouTube, e il Bach Network, rete di studiosi internazionali.

Giovedì 26.11 h. 10:00 – Sessione – Città e luoghi di Bach in Italia

Moderata da Sabrina Saccomani dell’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte che co-organizza questo congresso, la sessione studia la presenza della musica di Bach in alcuni contesti italiani particolarmente significativi, fra cui Verona, Torino e Venezia, con il progetto “Bacharo Tour” che porta la musica di Bach nelle tipiche osterie della città lagunare.

Giovedì 26.11 h. 10:00 – Sessione – Bach trascritto dai musicisti italiani

Alessandro Ruo Rui, del Conservatorio di Torino che co-organizza il Convegno, modera la sessione dedicata ad alcune significative trascrizioni di brani di Bach da parte di musicisti italiani come Busoni, Fiorentino e Nesi: la sessione, interamente composta da lezioni-concerto, sarà particolarmente godibile nella ricchezza musicale che verrà proposta.

Giovedì 26.11 h. 21:00 – Tavola rotonda – Bach sulla scena italiana

La terza e ultima tavola rotonda, in italiano, prevede la partecipazione di alcune leggendarie figure del panorama musicale e musicologico italiano: Rinaldo Alessandrini, fondatore e direttore di Concerto Italiano; Giovanni Bietti, creatore di “Lezioni di musica” per RAI-Radio3; Bruno Canino, celebre pianista e clavicembalista italiano; Claudio Chiavazza, direttore di coro e creatore del festival BackTOBach di Torino; Lorenzo Ghielmi, grande interprete di Bach su strumenti a tastiera; Maria Majno, cui si deve l’organizzazione dell’integrale delle Cantate di Bach a Milano negli anni 2000.

Venerdì 27.11 h. 10:00 – Sessione – Bach e i compositori italiani contemporanei

Susanna Pasticci, autorevole studiosa dell’Università di Cassino, presiede un’affascinante sessione sugli omaggi a Bach da parte di compositori italiani come Roman Vlad, Fellegara, Giancarlo Facchinetti e Camillo Togni, con la presenza di un’interessante lezione-concerto di Stefano Campanini del Conservatorio di Parma.

Venerdì 27.11 h. 16:00 – Sessione – The Italian Reception of Bach

Presieduta da Erinn Knyt, indiscussa autorità nel campo degli studi busoniani, la sessione in lingua inglese prevede la partecipazione di studiosi dalla Grecia, USA, Austria e Italia, con due lezioni-concerto da parte di grandi interpreti italiani quali Maurizio Baglini e Andrea Padova; si parlerà dell’operista Spontini, della Ciaccona di Bach-Busoni, dei violinisti italiani fin-de-siècle e delle ultimissime reinterpretazioni contemporanee.

Venerdì 27.11 h. 21:00 – Concerto – Accademia Maghini

L’Accademia Maghini e il Festival BackTOBach presentano un bellissimo concerto registrato durante il Festival 2020, e dedicato alla musica vocale di Bach e dei suoi contemporanei. Il festival è il più importante evento bachiano nell’Italia di oggi.

Sabato 28.11 h. 10 – Un caffè con JSBach.it – episodio speciale

Chiara Bertoglio di JSBach.it intervista in lingua inglese Michael Heinemann, docente dell’Università di Dresda e curatore di una serie di libri dedicati alla ricezione della musica di Bach, argomento del quale Heinemann è uno dei massimi esperti viventi. Si parlerà di Bach in Italia rispetto alle tradizioni di ricezione proprie di altri Paesi, fra cui la Germania.

Sabato 28.11 h. 16 – Lectio Magistralis

Raffaele Mellace, docente dell’Università di Genova, è uno dei più importanti studiosi italiani di Bach, nonché autore di importanti monografie dedicate soprattutto al Bach sacro. La sua lezione magistrale, a conclusione del Convegno, si focalizzerà su alcuni aspetti particolarmente rilevanti del legame fra la musica di Bach e l’Italia.

Sabato 28.11 h. 17 – Conclusioni

A chiusura del Convegno, Chiara Bertoglio e Maria Borghesi di JSBach.it tracceranno un bilancio della settimana e mostreranno possibili scenari per la prosecuzione delle tematiche emerse nel Convegno.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Brescia.
Registrazione n. 1/2015 del 26/01/2015
© 2015 L'ape musicale. Tutti i diritti riservati

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy

RECENSIONI  INTERVISTE NEWS 

TV RADIO e STREMING

VIDEO  TERZA PAGINA CORSI e CONCORSI 

CONTATTI

 

 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.