L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

Sognando Vienna

 di Luis Gutierrez

Un'ottima rappresentazione bilingue del capolavoro di Johann Strauss II fa sognare le meraviglie delle feste viennesi.

en español

CITTA' del MESSICO, 13 dicembre 2018 - Andrew Lamb definisce l'operetta, nel New Grove Dictionary of Opera, come "un'opera leggera con dialoghi parlati, canzoni e danze." Die Fledermaus di Johann Strauss II, Il pipistrello ( in spagnolo El murciélago, una meravigliosa parola che include le cinque vocali del nostro alfabeto), è indubbiamente l'operetta più popolare, occupando l'undicesimo posto, con 3744 recite di 608 produzioni, fra tutti i titoli rappresentati nei teatri lirici del mondo intero fra il 2008 e il 2017, secondo Operabase.

La ragione della popolarità di questa operetta risiede, oltre che nel fascino dei suoi temi musicali, nell'illusione che lascia vivere a molti di noi di partecipare a una festa straordinaria come quella che vediamo sulla scena.

In questa occasione l'allestimento di Luis Miguel Lombana, unita a scene e luci di Jesús Hernández e ai costumi di Jerildy Bosch, restituisce fedelmente quello che avrebbe potuto essere un veglione di fine anno a Vienna a metà del XIX secolo.

La produczione si è sottomessa alla dotrina enunciata altre volte: "si canta in tedesco, si parla in spagnolo." I dialoghi spagnoli sono adattati al Messico degli ultimi anni, dal “cenas y te vas” di Rosalinde a Eisenstein [allusione all'incidente diplomatico del 2002 fra il presidente messicano Vicente Fox e Fidel Castro, ndt], al “¿cuál es este palacio?” di Olga al che Frosch risponde “El Palacio de Hierro” [noto centro commerciale messicano, ndt]. Devo dire che si sono sentite molte risate dal pubblico, a tratti troppe, derivate dai dialoghi e dai sopratitoli nei numeri cantati.

Le risa si sono mescolate con il gusto di alcuni membri dell'uditorio nell'individuare, e dichiararlo sonoramente, le opere che Alfred di tanto in tanto intonava, per lo più arie di Puccini, totalmente anacronistiche nella Vienna di metà Ottocento.

L'interpretazione teatrale è stata di prima qualità, con una menzione particolare per l'Adele di Claudia Cota, l'Orlofsky di Guadalupe Paz e il Frank di Charles Oppenheim.

Marcela Chacón ha cantato una splendida Rosalinde, con voce intonata, gran volume, bel timbro e bella linea di canto. Guadalupe Paz ha sua volta ha offerto una magnifica prova musicale.

Le altre parti principali, José Adán Pérez como Eisenstein e Armando Gama come Falke, a loro volta sono state assai convincenti nelle loro prove drammtiche e vocali. L'Alfred di Enrique Guzmán era davvero simpatico e appropriato, per esempio quando ha cantato “E lucevan le stelle” in carcere.

Le parti minori sono state ricoperte correttamente da Antonio Duque, Blind, Lourdes Echevarría, Ida, e Juan Carlos Beyer, Frosch.

Srba Dinic ha concertato in maniera billante i solisti, l'orchestra e il coro del Teatro de Bellas Artes – quest'ultimo preparato nell'occasione da Stefano Ragusini –, complessi artistici responsabili di una performance impeccabile.

Alla fine, spero che un giorno di questi ci sia la possibilità ddi partecipare a un ricevimento come quello di cui ho goduto oggi, vedendolo godere dagli artisti che hanno realizzato una così bella rappresentazione di El murciélago.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal