L’Ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

Indice articoli

Stagione 2014-2015

OPERE / BALLETTI

PROVE GENERALI DEI CONCERTI SINFONICI

MUSICA&MUSEO

SPETTACOLI PER LE SCUOLE

LEZIONI-CONCERTO NELLE SCUOLE

WORKSHOP PER GLI INSEGNANTI

VISITE GUIDATE ALL’OPERA DI FIRENZE

Visualizza/scarica il pieghevole L'Opera_di_Firenze_per_le_scuole_

Dal settembre 2014 il Maggio Musicale Fiorentino ha una nuova casa: l’Opera di Firenze, il grande teatro che sorge accanto alla Stazione Leopolda, alle porte del Parco delle Cascine. La sua definitiva apertura rappresenta una straordinaria opportunità di crescita culturale per la nostra città che deve coinvolgere tutti i suoi abitanti, anche i più giovani e i più piccoli.

Per questo la maggior parte dell’intensa attività che ogni anno il teatro dedica alle scuole e alla formazione del nuovo pubblico si svolgerà proprio all’Opera di Firenze. Attraverso gli spettacoli della Stagione, le produzioni appositamente realizzate per i ragazzi e le tante iniziative didattiche che troverete illustrate nelle pagine seguenti, studenti e insegnanti avranno la possibilità di iniziare a frequentare e a conoscere il nuovo teatro: la sua collocazione nella città, gli spazi di socializzazione, la straordinaria acustica della sala, le possibilità tecniche del palcoscenico.

L’educazione musicale, fondamentale nella formazione culturale di ciascuno di noi, andrà così di pari passo con la scoperta di un teatro che dovrà entrare a far parte della vita quotidiana dei cittadini fiorentini del domani, un luogo dove assistere a rappresentazioni d’opera, a concerti e a balletti, ma anche un luogo dove trascorrere del tempo libero, passeggiando sull’antistante piazza Vittorio Gui, magari leggendo un buon libro o ascoltando della bella musica.

Giovanni Vitali

Responsabile Promozione Culturale

Formazione Nuovo Pubblico

 

OPERE E BALLETTI

Il campiello

di Ermanno Wolf-Ferrari

Nuovo allestimento in coproduzione con Fondazione Teatro Verdi di Trieste

Rappresentata per la prima volta nel 1936 al Teatro alla Scala, è uno dei capolavori del compositore che tanto successo raccolse, nel corso della sua carriera, in Germania. L’opera, in dialetto veneziano, è tratta dalla commedia di Carlo Goldoni e racconta delle divertenti vicende che si svolgono in una piccola piazza della città lagunare, animata da personaggi di straordinaria vivacità come le due vecchie comari: Dona Cate e Dona Pasqua (una coppia di tenori travestiti). È in scena per la prima volta all’Opera di Firenze.

Direttore: Francesco Cilluffo

Regia: Leo Muscato

Scene: Tiziano Santi

Costumi: Silvia Aymonino

Luci: Alessandro Verazzi

Interpreti: Alessandra Marianelli, Diana Mian, Barbara Bargnesi, Alessandro Scotto di Luzio, Patrizia Orciani, Cristiano Olivieri, Luca Canonici, Filippo Morace, Clemente Antonio Daliotti, Luca Dall’Amico

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Opera di Firenze

Martedì 23 settembre 2014, ore 15.30 (prova generale)

Giovedì 2 ottobre, ore 20.30

Sabato 4 ottobre, ore 20.30

Cavalleria rusticana

di Pietro Mascagni

Dalla novella di Giovanni Verga, Pietro Mascagni trasse l’atto unico con cui nel 1890 vinse il concorso per un’opera nuova indetto dall’editore musicale Sonzogno e che lo impose all’attenzione del pubblico e della critica. Da allora il capolavoro del compositore livornese gode di una eccezionale popolarità, motivata dalla freschezza dell’invenzione melodica e dall’efficacia della sintesi drammaturgica.

Direttore: Giampaolo Bisanti

Regia: Mario Pontiggia

Scene e costumi: Francesco Zito

Luci: Gianni Paolo Mirenda

Interpreti: Luciana D’Intino/Giovanna Casolla, Sergio Escobar, Sergio Sgura/Alberto Mastromarino, Elena Traversi/Martina Belli, Cristina Melis/Tina D’Alessandro

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

La luce nel tempo Nuova creazione

Insieme alla Cavalleria rusticana viene presentato il balletto La luce nel tempo del giovane coreografo napoletano Francesco Nappa.

Coreografia: Francesco Nappa

Direttore: Giampaolo Bisanti

Musica: Franz Joseph Haydn

Firenze Danza by Mag.Da.- Compagnia residente Opera di Firenze

Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Opera di Firenze

Martedì 21 ottobre, ore 20.30 (prova generale)

Martedì 28 ottobre, ore 20.30

Giovedì 30 ottobre, ore 20.30

Falstaff

di Giuseppe Verdi

In coproduzione con Fondazione Teatro Petruzzelli di Bari e Fondazione Teatro San Carlo di Napoli

“Tutto nel mondo è burla”: con queste parole il vecchio Verdi si congeda nel 1893 dal mondo del melodramma rappresentando al Teatro alla Scala la sua ultima opera tratta da Le allegre comari di Windsor e dall’Enrico IV di William Shakespeare. Il grande musicista si identifica, in parte, nel panciuto protagonista: il loro è un saluto alla vita con il sorriso sulle labbra ma venato di malinconia per lo scorrere inesorabile del tempo.

Direttore: Zubin Mehta

Regia: Luca Ronconi

Scene: Tiziano Santi

Costumi: Maurizio Millenotti

Disegno luci: AJ Weissbard

Interpreti: Ambrogio Maestri/Roberto de Candia, Roberto de Candia/Alessandro Luongo, Eva Mei, Daniela Barcellona, Ekaterina Sadovnikova, Yijie Shi, Laura Polverelli, Gianluca Sorrentino, Mario Luperi, Carlo Bosi

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Opera di Firenze

Giovedì 27 novembre, ore 15.30 (prova generale)

Giovedì 4 dicembre, ore 20.30

Martedì 9 dicembre, ore 20.30

I puritani

di Vincenzo Bellini

Nuovo allestimento in coproduzione con la Fondazione Teatro Regio di Torino

Prototipo dell’opera romantica del primo Ottocento, l’ultimo lavoro del compositore catanese venne rappresentato in prima assoluta al Théâtre Italien di Parigi nel 1835 con un quartetto di cantanti “mitici” (Giulia Grisi, Giovanni Battista Rubini, Antonio Tamburini e Luigi Lablache) che consegnarono subito la partitura alla leggenda. Il titolo torna sulle scene dell’Opera di Firenze a 25 anni esatti dall’ultima produzione.

Direttore: Giacomo Sagripanti

Regia: Fabio Ceresa

Scene: Tiziano Santi

Interpreti: Yijie Shi/Edgardo Rocha, Jessica Pratt/Nadine Sierra, Massimo Cavalletti/Julian Kim, Gianluca Buratto/Riccardo Zanellato, Rossana Rinaldi/Martina Belli, Antonio Corianò, Gianluca Margheri

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Domenica 25 gennaio, ore 15.30 (prova generale)

Venerdì 30 gennaio 2015, ore 20.30

Mercoledì 4 febbraio, ore 20.30

Dido and Aeneas

di Henry Purcell

Allestimento della Fondazione Arena di Verona

Capolavoro del melodramma britannico, ebbe la sua prima rappresentazione a Londra nel 1689, nel collegio per giovinette di Chelsea che ne furono anche interpreti. Il libretto di Nahum Tate è tratto dal quarto libro dell’Eneide di Virgilio e riprende il celebre episodio dell’abbandono di Didone, regina di Cartagine, da parte di Enea. L’opera, straordinaria per la concentrazione drammaturgia e la ricchezza delle melodie, segue fedelmente la fonte letteraria e si conclude in maniera tragica con la partenza dell’eroe per l’Italia, dove fonderà Roma, e il suicidio dell’infelice sovrana.

Direttore: Stefano Montanari

Regia: Marina Bianchi

Scene e costumi: Leila Fteita

Interpreti: Josè Maria Lo Monaco, Maria Hinojosa Montenegro, Adriana Di Paola/Aurora Faggioli, Irene Favro, Alessia Nadin, Anna Pennisi, Teona Dvali, Leonardo Cortellazzi, Paolo Antognetti, Ermelinda Pansini

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Firenze Danza by Mag.Da.- Compagnia residente Opera di Firenze

Le Jeune Homme et la Mort

Insieme a Dido and Aenaes viene rappresentato uno dei balletti più celebri e poetici di Roland Petit, Le Jeune Homme et la Mort, che segna il ritorno a Firenze della grande Alessandra Ferri.

Coreografia: Roland Petit

Musica: Johann Sebastian Bach

Interpreti: Herman Cornejo e Alessandra Ferri

Venerdì 27 febbraio, ore 15.30 (prova generale)

Giovedì 5 marzo, ore 20.30

Martedì 10 marzo, ore 20.30

La traviata

di Giuseppe Verdi

Produzione della Fondazione Pergolesi Spontini

Terza opera della “trilogia popolare”, conobbe la sua tormentata prima rappresentazione al Teatro La Fenice di Venezia nel 1853. Ripresa con successo l’anno successivo al Teatro San Benedetto di Venezia, è sicuramente tra le partiture più popolari dell’intera storia del melodramma. Ancora oggi la sfortunata storia d’amore tra Violetta Valéry e Alfredo Germont, ispirata al dramma teatrale La signora delle camelie di Alexandre Dumas figlio, non manca di appassionare e commuovere tutte le generazioni.

Direttore: Zubin Mehta

Regia: Henning Brockhaus

Scene: Josef Svoboda

Interpreti principali: Eva Mei, Ivan Magrì, Simone Piazzola

Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Martedì 31 marzo, ore 20.30 (prova generale)

Giovedì 2 aprile, ore 20.30

Mercoledì 8 aprile, ore 20.30

BALLETTI

Les 4 Saisons

Il grande coreografo francese di origine albanese ha creato questo lavoro nel 2005 per 12 danzatori della sua compagnia, collaborando con l’artista visivo Fabrice Hyber, che per l’occasione ha realizzato una chaosgrafia, come lui stesso la definisce. I quattro celebri concerti del “Prete Rosso” ispirati alle stagioni offrono l’ispirazione a Preljocaj per sviluppare, oltre i limiti dei parametri, una danza all’insegna di esplosività, esaltazione, sospen­sione e vibrazione.

Coreografia, scene, costumi, luci: Angelin Preljocaj

Musica: Antonio Vivaldi

Firenze Danza by Mag.Da.- Compagnia residente Opera di Firenze

Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Opera di Firenze

Sabato 3 gennaio, ore 16.30


Registrati e ricevi gli aggiornamenti

Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



 

 

 
 
 

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.