L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

 

CARMEN

MUSICA DI GEORGES BIZET

Opéra-comique in quattro atti

Libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy, dall’omonima novella di Prosper Mérimée

Edizione in lingua originale francese

PERSONAGGI INTERPRETI

CarmenVarduhi Abrahamyan /Martina Belli*

Don JoséAndrea Carè /Peter Berger*

MicaëlaMarta Torbidoni / Giuliana Gianfaldoni (11, 13, 15, 17, 19, 21)

EscamilloLucas Meachem /Andrei Kymach*

FrasquitaSarah Baratta

MercédèsAlessandra Della Croce

Il DancaïreGabriel Alexander Wernick

Il RemendadoCristiano Olivieri

MoralèsCostantino Finucci

ZunigaGianluca Breda

Lillas PastiaAldo Dovo

AndrèsMarcello Spinetta

Una guidaGuido Cavallini

Direttore d’orchestra Giacomo Sagripanti

Regia Stephen Medcalf

Scene e costumi Jamie Vartan

Coreografia Maxine Braham

Luci Simon Corder

riprese da John Bishop

Assistente alle scene Nicole Figini

Maestro del coro di voci bianche Claudio Fenoglio

Maestro del coroAndrea Secchi

ORCHESTRA E CORO TEATRO REGIO TORINO

Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi” di Torino

Allestimento Teatro Lirico di Cagliari

 

Teatro Regio

Martedì 10 Dicembre 2019

Mercoledì 11 Dicembre 2019*

Giovedì 12 Dicembre 2019

Venerdì 13 Dicembre 2019*

Domenica 15 Dicembre 2019

Martedì 17 Dicembre 2019*

Mercoledì 18 Dicembre 2019

Giovedì 19 Dicembre 2019*

Venerdì 20 Dicembre 2019

Sabato 21 Dicembre 2019*

Domenica 22 Dicembre 2019

CARMEN

di Georges Bizet

C’è un legame particolare tra Torino e la Carmen di Bizet. È al Teatro Carignano che, nel 1888, Friedrich Nietzsche riascolta Carmen (la prima volta l’aveva ascoltata a Genova nel 1881) e scrive nel Caso Wagner la famosa “Lettera da Torino del maggio 1888”: «Ho udito ieri – lo credereste? – per la ventesima volta il capolavoro di Bizet. Ancora una volta persistetti in un soave raccoglimento, ancora una volta non fuggii. Questa vitto­ria sulla mia impazienza mi sorprende. Come rende perfetti una tale opera! Nell’udirla si diventa noi stessi un ‘capolavoro’. E realmente, ogni volta che ascoltavo la Carmen mi sembrava di essere più filosofo, un miglior filosofo di quanto non fossi solito credere». Tra gli altri grandi ammiratori dell’opera va annoverato Čajkovskij: «È un capolavoro nella vera accezione del termine, cioè una delle rare creazioni che traducono gli sforzi di tutta un’epoca musicale... Sono persuaso che entro dieci anni Carmen sarà l’opera più popolare del mondo». E aveva perfettamente ragione. Eppure la prima, il 3 marzo 1875 all’Opéra-Comique di Parigi, fu un insuccesso: già alle prove l’opera (tratta dall’omonima novella di Prosper Mérimée) era stata giudicata troppo scandalosa per un teatro “familiare” dove, nei palchi, si combinavano i matrimoni. Era scandaloso il fatto che l’opera finisse con un assassinio e che la protagonista fumasse in scena! Bizet morì tre mesi dopo, ancora ignaro che la sua opera sarebbe diventata un successo mondiale.

ATTO I

Una piazza, a Siviglia. Davanti alla manifattura tabacchi staziona il corpo di guardia dei Dragoni. Preceduto da un gruppo di monelli che giocano al cambio della guardia, arriva il drappello guidato dal brigadiere Don José. Suona la campana della manifattura, escono le sigaraie, ma la più attesa è la seducente Carmen: l’amore non conosce leggi, canta e, sprezzante, getta un fiore di gaggia a Don José. Il brigadiere è turbato e nasconde il fiore nella giubba. Arriva Micaëla, che gli porta una lettera e un bacio da parte della madre. Dalla fabbrica si ode un grande trambusto: Carmen ha ferito una compagna, Don José la arresta. Ma la sigaraia sa che il giovane è rimasto turbato e lo convince ad aiutarla: basta che lui la leghi per finta, lei gli darà una spinta e scapperà tra la folla. Don José, vinto, accetta, Carmen fugge.

ATTO II

Nella taverna di Lillas Pastia, Carmen aspetta Don José, che è appena uscito di prigione dove è stato rinchiuso per averla aiutata a fuggire. Arriva Escamillo, il torero, acclamato da tutti, e il capitano Zuniga lo invita per un brindisi. Il Dancaïre e il Remendado, contrabbandieri amici di Carmen, vorrebbero che lei partisse con loro per le montagne, ma la zingara rifiuta perché aspetta Don José. Il brigadiere arriva e dichiara a Carmen di aver pensato sempre a lei in prigione, ma ora deve rientrare in caserma. Carmen è seccata perché vorrebbe che lui restasse. Arriva Zuniga, che ordina al brigadiere di rientrare in caserma; Don José rifiuta e lo sfida. Arrivano i contrabbandieri e legano Zuniga: è deciso, Don José seguirà Carmen.

ATTO III

Sulle montagne con i contrabbandieri, Don José si sente in colpa per aver disertato e aver deluso sua madre. Carmen consulta le carte: ci sarà la morte per lei, poi per Don José. Arriva Escamillo, e quando Don José scopre che è venuto per Carmen, lo sfida a duello; arriva la zingara e li divide. I contrabbandieri scoprono Micaëla: è arrivata per dire a Don José che sua madre sta morendo. Carmen lo invita ad andarsene. Si ode il canto di Escamillo mentre Don José si allontana con Micaëla.

ATTO IV

Davanti all’ingresso dell’arena, la folla applaude Escamillo, che arriva insieme a Carmen, elegantissima. Frasquita e Mercédès la mettono in guardia: hanno visto Don José, ma Carmen non ha paura di incontrarlo. Don José la raggiunge e la supplica: lui l’ama ancora. Lei, sprezzante, risponde che Carmen è nata libera e libera morirà; si toglie l’anello che Don José le aveva donato e lo getta via. Don José la pugnala e si consegna alle guardie.

CARMEN

Prezzi dei biglietti

Recita del 10 dicembre:€ 160 - 125 - 105 - 80 - 55

Recite del 12, 15, 18, 20 e 22 dicembre: € 100 - 90 - 80 - 70 - 30

Recite del 13, 19 e 21 dicembre: € 90 - 80 - 70 - 65 - 30

Recita dell’11 dicembre: € 60 - 55 - 50 - 45 - 30

Biglietti ridotti del 20% per gli under 30 edel 10% per gli over 65

(riduzioni non valide per la recita dell’11 dicembre)

18app: posto unico € 25 per la recita del 10 dicembre (per l’eventuale accompagnatore è previsto un biglietto con uno sconto del 50%); condizioni valide fino a esaurimento dei posti riservati all’iniziativa

Un’ora prima degli spettacoli, eventuale vendita di posti con una riduzione del 20% sul prezzo intero

(riduzione non valida per la recita dell’11 dicembre)

Biglietteria e Informazioni

TEATRO REGIO

Piazza Castello, 215 - 10124 Torino

Tel. 011.8815.1 - Fax 011.8815.214

Biglietteria Teatro Regio

Tel. 011.8815.241/242

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orario di apertura:

da martedì a venerdì: 10.30-18

sabato: 10.30-16

un’ora prima degli spettacoli

Informazioni

Piazza Castello 215 (Ingresso uffici)

Tel. 011.8815.557 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.teatroregio.torino.it

Vendita on line

www.teatroregio.torino.it (senza costi di commissione)

www.vivaticket.it

Vendita telefonica con carta di credito: tel. 011.8815.270

Orario del servizio: da lunedì a venerdì 9-12

Carte ammesse: Visa e Mastercard

Segui il Teatro Regio sui nostri social media:

Altre Biglietterie

INFOPIEMONTE - TORINOCULTURA

Via Garibaldi 2 - Torino. Orario di apertura: da lunedì a domenica 9-17.30

Info: Numero verde 800.329329

Pagamenti consentiti: carte di credito e bancomat

VIVATICKET

Vendita diretta presso gli oltre 600 punti convenzionati in Italia. Elenco completo su www.vivaticket.it

Vendita on line su www.vivaticket.it

Vendita telefonica con carta di credito - Tel. 892.234

Per chiamate dall’estero: +39.041.2719035

da lunedì a venerdì ore 9-19; sabato ore 9-14


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.