L'ape musicale - rivista di musica arti cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

CONCERTI

Grandi direttori d'orchestra – comeDaniele Gatti, che dirigerà un programma completamente dedicato al Novecento italiano - per una Stagione sinfonica che vedrà la presenza costante di prestigiosi solisti affermati a livello internazionale.

L'inaugurazione avverrà l'8 novembre con la Filarmonica del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo guidata da Pier Carlo Orizio, che ha diretto le principali orchestre europee, e vedrà al pianoforte Giuseppe Albanese, uno dei pianisti italiani della sua generazione più richiesti in campo internazionale, impegnato nei Concerti n.1 e n.2 di Franz Liszt. Completa il programma la Sinfonia n.4 di Schumann.

Ancora un apprezzato virtuoso del pianoforte sarà protagonista del recital in programma il 29 novembre, in coproduzione con il Val Tidone Festival: il ventiduenne Ruben Micieli, già applaudito sul palcoscenico del Teatro Municipale nel 2016, vincitore del Premio Bengalli e, ultimo in ordine di tempo, del secondo premio al Franz Liszt Piano Competition Weimar-Bayreuth 2018. Questa volta Micieli presenterà l'integrale dei 24 Studi di Chopin.

Un altro duo d'eccellenza arriverà sul palcoscenico del Municipale il 31 gennaio: la bacchetta di Fabrizio Carminati, regolarmente invitato a dirigere le maggiori istituzioni teatrali in Italia e all'estero, e il violino di Francesca Dego, celebrata per le interpretazioni convincenti e la tecnica impeccabile, tra i giovani violinisti più ricercati sulla scena internazionale. Con la Filarmonica Arturo Toscanini si dedicherano a un programma in cui brilla ancora una volta una nuova commissione in prima assoluta, Luci danzanti nella notte – Concerto per violino e orchestra, realizzata per Francesca Dego da Cristian Carrara, classe 1977,considerato tra i compositori italiani più originali della sua generazione. Un concerto dedicato alla giornata della Memoria, un viaggio tra le tante luci danzanti che hanno rischiarato, e ancor oggi rischiarano, le notti in cui sembra non esserci più speranza. Completa il programma l'omaggio a Beethoven a 250 anni dalla nascita, con l'esecuzione della nota Sinfonia n.7.

Grande novità di questa Stagione l'arrivo al Teatro Municipale di Daniele Gatti, una delle bacchette più prestigiose al mondo, che nel corso della sua carriera è stato direttore musicale della Opernahaus Zürich, della Royal Philharmonic Orchestra di Londra, della Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, dell'Orchestre National de France e attualmente direttore musicale dell'Opera di Roma e della Mahler Chamber Orchestra. Dirigerà la Filarmonica Arturo Toscanini (7 marzo) in un programma toscaniniano con musiche di Goffredo Petrassi, Giorgio Federico Ghedini e Alfredo Casella, tre autori italiani del Novecento raggruppati in un’unica serata, ovvero alcuni dei maggiori rappresentanti del nuovo movimento musicale che guarda alla produzione europea.

Spazio a un'altra solista di caratura internazionale per il concerto del 27 marzo: la violinista tedesca Julia Fischer, per la prima volta a Piacenza. Con lei il gradito ritorno dell'Orchestra della Svizzera Italiana diretta da Markus Poschner, in un programma che spazia dall'omaggio beethoveniano con il Concerto op.61 per violino e orchestra alla Sinfonia n.2 di Schumann.

Gran finale di stagione con il sublime Requiem di Wolfgang Amadeus Mozart (9 aprile), che segna l'arrivo per la prima volta a Piacenza, in occasione del concerto di Pasqua, della Young Musician European Orchestra diretta dal suo fondatore Paolo Olmi, e del BBC Symphony Corus di Londra, che si unirà al Coro del Municipale di Piacenza, con le voci soliste di Sara Rossini, Cinzia Chiarini, Manuel Amati e Antonio di Matteo. Maestro del coro sarà Corrado Casati.


 

Vuoi sostenere L'Ape musicale?
Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal