L’ape musicale

rivista di musica, arti, cultura

 

.

 

 

 

 

Indice articoli

Undici mesi d'opera, danza e concerti

Il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino

presenta

L’attività lirico-sinfonica 2020/2021

e il prossimo Festival del Maggio Musicale Fiorentino

L’attività artistica del Maggio prende solennemente avvio il 30 e 31 agosto2020 con due importanti e significative esecuzioni della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi dirette da Zubin Mehta in piazza della Signoria a Firenze e prosegue per 11 mesi consecutivi (8 di stagione e 3 di Festival) che vedono un susseguirsi di star del panorama artistico musicale mondiale tra cui Zubin Mehta direttore onorario a vita del Maggio, l'ex direttore musicale Riccardo Muti, e l’eccezionale presenza di James Levine. A fianco a loro, in ordine alfabetico i direttori Marco Armiliato, Paolo Carignani, Myung-Whun Chung, James Conlon, Christoph von Dohnányi, Christoph Eschenbach, Adam Fischer, Riccardo Frizza, Daniele Gatti, Manfred Honeck, Eliahu Inbal, Ingo Metzmacher, Gianandrea Noseda, Lahav Shani sul podio; tra le voci Elīna Garanča, Ekaterina Gubanova, Edita Gruberová, Saioa Hernández, Anna Netrebko, Jessica Pratt, Marina Rebeka, Carmela Remigio, Maria Josè Siri, Krassimira Stoyanova, Sonja Yoncheva, Vittoria Yeo, Nicola Alaimo, Marcelo Álvarez, Roberto Aronica, Placido Domingo, Ferruccio Furlanetto, Thomas Hampson, Francesco Meli, Leo Nucci, Michele Pertusi, Luca Salsi, Fabio Sartori, Michael Spyres, Ludovic Tézier, Michael Volle ; i recital di Michael Barenboim, Rudolf Buchbinder, Amanda Forsyth, Maurizio Pollini, Frank Peter Zimmermann, Pinchas Zukerman; Roberto Andò, Sven Erich Bechtolf, Valerio Binasco, Robert Carsen, Jurgen Flimm, Denis Krief, Cesare Lievi, Davide Livermore, Damiano Michieletto, Chiara Muti, Carlus Padrissa, Pier Luigi Pizzi alla regia.

Undici mesi di programmazione ininterrotta, da fine agosto 2020 a fine luglio 2021. 10 titoli d'opera in stagione e 6 durante il Festival e di questi sono ben 12 i nuovi allestimenti,più di 40 concerti sinfonici (tra stagione e Festival) e poi cinque opere per ragazzi ( con 32 recite a loro dedicate) che portano a ventuno gli allestimenti operistici del Maggio, numerosi recital concertistici e di canto, un balletto e le tournée in Italia e all’estero per un totale di oltre 160 giornate di spettacolo.

Il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino riparte con grande slancio dopo la pausa estiva e l’ancor più lungo lockdown offrendo al suo pubblico una stagione ricchissima che prende avvio in modo solenne e significativocon un omaggio alle vittime della pandemiail 30 agosto 2020 con la prima di due esecuzioni della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi ( secondo concerto il 31 agosto) dirette da Zubin Mehta con un cast di voci soliste strepitose in piazza della Signoria a Firenze e continua col Festival del Maggio, che si inaugura il 24 aprile, con un programma altrettanto intenso e ricco per i tre mesi successivi fino al 30 luglio 2021. Inizia ingranando sin da subito una marcia molto spedita e intensa, dando un chiaro segnale di ottimismo al pubblico. Il Maggio guarda avanti proponendo un programma di altissima qualità e di altissimo profilo e alla levatura e la celebrità degli artisti i cui nomi tornano a riempire il cartellone.

Zubin Mehta direttore onorario a vita del teatro, che nelle ultime settimane di riapertura del Maggio si è speso come non mai per la ripresa dopo la chiusura dirigendo l’importante ciclo integrale delle sinfonie di Franz Schubert, ha accettato la proposta del sovrintendente Alexander Pereira di prendersi la responsabilità di seguire anche le fasi dei concorsi per i professori d’Orchestra, compagine alle quale, assieme al Coro, è legatissimo e dalle quali è ricambiato profondamente con tutto il “suo” teatro e la città di Firenze. Il Maestro gode dell’affetto e della stima di tutti, è un artista la cui statura, l’esempio, la forza, le sue doti umane lo rendono un punto focale e fondamentale della vita del Maggio, è la guida paterna del nostro teatro. Questo sua ulteriore gentilezza e disponibilità nei confronti del Maggio permetterà al Sovrintendente di proseguire senza fretta e con tranquillità l’individuazione di un direttore musicale sapendo di poter basarsi sempre sulla vicinanza e la collaborazione di Zubin Mehta.

Il Maestro conterà numerosissime presenze sul podio tra stagione e Festival per opere concerti, tra cui, a fine agosto 2020 quello “iniziale” alla guida del Maggio in piazza della Signoria con la solennità di due esecuzioni della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi con le strepitose voci soliste di fama mondiale di Krassimira Stoyanova, Elīna Garanča mezzosprano di classe assoluta, il grande Francesco Meli e la star mondiale Ildar Abdrazakov; le sue direzioni operistiche: l’attesissimo Otello (dal 27 novembre al 19 dicembre), Così fan tutte (dal 28 marzo all'11 aprile 2021), La forza del destino (dal 4 al 20 giugno 2021) e i numerosi appuntamenti sinfonici tra cui l'integrale delle sinfonie di Beethoven, il completamento del ciclo Schubert, e la proposta di un ciclo Brahms.


Vuoi sostenere L'Ape musicale?

Basta il costo di un caffé!

con un bonifico sul nostro conto

o via PayPal

 



Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.